• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Dopo la fuga dei cervelli è la volta dei pensionati

Dopo la fuga dei cervelli è la volta dei pensionati

Risulta, nell’ultimo rapporto dell’Istat sulla situazione demografica in Italia, che diminuiscono i cittadini italiani di 140mila unità, mentre aumenta la presenza degli stranieri di 11mila.

Può sembrare strano che con una situazione demografica così sbilanciata verso il segno negativo per quanto riguarda i cittadini che vanno e quelli che vengono, ci si incaponisca con l’alzare i muri per non far entrare, quando forse sarebbe più utile non far fuggire.

Nel corso dell’ultimo decennio sono stati due milioni gli italiani che si sono trasferiti all’estero e non sono solo per lavoro. Sono 400mila pensioni che l’Inps eroga all'estero, perché gli intestatari hanno trovato un luogo dove poter vivere dignitosamente con delle pensioni magre.

Sono lontani i tempi nei quali gli italiani raccoglievano le poche cose che possedevano in una valigia di cartone e affrontavano lunghi viaggi in nave per raggiungere i nuovi continenti o con il treno per passare da un paese europeo all’altro, ma sempre per essere discriminati e sotto pagati.

Oggi la migrazione italiana, in gran parte, viaggia in aereo e in giacca e cravatta, con trolley firmati, per ricoprire posizioni di prestigio nell’ambito universitario o economico.

Mentre dall'ovest e dal sud-est asiatico arrivano badanti per anziani non più autosufficienti, ci sono pensionati che vogliono giustamente poter vivere il resto della vita in condizioni agiate, senza dover combattere con la burocrazia e l’inospitalità delle città, con servizi a tempo elargiti dalle politiche sociali dello Stato e degli Enti locali.

Son ben più numerosi gli italiani, a dispetto delle grida xenofobe, che hanno deciso di “migrare” rispetto a quelli interessati a scegliere l’Italia come luogo dove poter vivere.

Parigi, Londra e Berlino, senza dimenticare gli Stati Uniti, sono i luoghi dove le nuove generazioni d’italiani trovano il lavoro che in patria gli viene negato.

Mentre le mete predilette dai pensionati sono i paesi caldi nel bacino del Mediterraneo o poco fuori, dove non solo gli italiani trovano rifugio, ma anche tedeschi, olandesi, inglesi, scandinavi, australiani, giapponesi, canadesi e statunitensi.

Una delle mete scelte dagli italiani sono le Canarie, con il loro clima mite del mare e pungente della montagna innevata, tanto che è presente un’agenzia – Canarie per te, la casa degli italiani – alla quale ci si può rivolgere per avere tutte le informazioni sui benefici fiscali, il costo della vita, la burocrazia, il sistema sanitario e clima, prima di trasferirsi.

La scelta dei pensionati di migrare è spesso dettata dalla necessità di poter usufruire di servizi e di un potere d’acquisto più alto di quello che la loro pensione non gli permette in patria.

Ma il machiavellico governo italiano è in agguato per soddisfare le pretese dell’Inps nell’ostacolare la migrazione pensionistica, varando restrizioni magari differenziando l’assegno a secondo del paese scelto. L’assegno sarà minore per chi sceglie i paesi del sud, non avendo le spese di riscaldamento, ma c’è sempre il metodo collaudato dalla casalinga di Biella nell’utilizzo oculato dei coupon e buoni sconto dei supermercati per sopravvivere.

Altra possibilità è organizzare una “vacanza” dei propri sudati risparmi a Panama City, ma gira voce che non è un metodo apprezzato dal fisco italiano per chi poi rimane in Italia per goderne i frutti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità