• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Dalla Tunisia la marcia Perugia-Assisi 2011

Dalla Tunisia la marcia Perugia-Assisi 2011

Quest’anno la Marcia Perugia-Assisi per la pace e la fratellanza dei popoli, nel suo cinquantesimo e nell’Anno Europeo del Volontariato, ha avuto il 26 giugno un’anticipazione a Sidi Bouzid, in Tunisia, per commemorare il giovane venditore ambulante che si diede fuoco per protestare contro anni di abusi e umiliazioni, prima del classico appuntamento del 25 settembre, ideata nel 1961 dal filosofo Aldo Capitini, per una nuova fratellanza euro-mediterranea.
Far partire la marcia dalla località simbolo dell’avvio delle rivolte delle piazze arabe, per arrivare a Tunisi, dove si è svolto il Forum euro-mediterraneo, è stata l’occasione di riflessione sulle scelte ipocrite della politica verso i diritti umani e le opportunità mancate per la pace, con la partecipazione di centinaia di giovani provenienti da paesi arabi e dall’Europa.
 
Sarà presente alla marcia per la pace, anche il movimento degli Artisti Arte per, con una lunghissima corda realizzata annodando l’uno all’altro, i segmenti di due metri che ogni singolo artista è intervenuto per realizzare Accordo di Pace, l'opera collettiva che sarà successivamente esposta, nella giornata dell’8 ottobre, sul ponte della Musica.
 
Alla primavera araba, confrontandolo all'89 europeo, è stato dedicato, a Rovereto (Trento), il Sentiero di Pace 2011. Una “rivoluzione” araba che si vuole equiparare alla caduta del Muro di Berlino per i possibili risvolti politici e alla guerra balcanica per la crescente violenza, ma il muro arabo non ha ancora travolto tutti i regimi autoritari del Maghreb e con una definizione democratica ancora lontana per chi ha conquistato la “libertà” e ancor di più per quei popoli che stanno ancora lottando per spodestare i dittatori.
 
La Libia è ad un passo per intraprendere un futuro senza Muammar Gheddafi, anche se il quotidiano francese Le Figaro si pone un quesito: Chi c'è dietro la ribellione Jamahiriya?, forse saranno dei gheddafiani a illuminare la strada, senza un vero cambiamento, come è già avvenuto in Tunisia e in Egitto.
 
Ora l’Occidente dovrà considerare la propria posizione nei confronti della schizofrenia manifestata dal capo clan siriano e mettere tra le priorità anche la questione yemenita, per non ritenere i Diritti Umani un’opzione facoltativa.
 
Il 2011 sono anche i cinquant'anni del Muro di Berlino, crollato quel 1989 e che per ventotto anni è stato il simbolo di terrore e divisione per un popolo, una minoranza che controllava la maggioranza, e 22 sono quelli che hanno scandito il ritmo dei cambiamenti che non hanno influenzato solo la Germania o l’Europa, ma il Mondo.
 
I Muri si possono abbattere e quello di Berlino rimane un monito per ogni gerarchia che vuol tenere divisi i popoli, isolare uno dall’altro, nel tentativo di fermare le vicende della globalità.
 
È necessaria una riflessione sulla Pace e i metodi per perseguirla, quando chi contrasta la concordia è violento e armato. Governi autoritari, con tiranni che gridano il loro orgoglio di popolo, intrattengono rapporti economici con tutti, ispirano il terrorismo, parlano di dialogo, incarcerano e torturano, annunciano cambiamenti, ordinano di sparare su manifestanti inermi, proclamano aperture democratiche, impongono il culto della persona.
 
Le vie della Pace sono dei sentieri appena tracciati, ma estremamente accidentati che spesso pone dei dubbi quale direzione percorrere. È difficile instaurare un dialogo con i violenti, sordi alle parole che vomitano odio e non si limitano solo ad agitare i loro armamenti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares