• sabato 19 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Società > Cyber-Democrazia
di Damiano Mazzotti (sito) sabato 11 luglio 2009 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(4 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Cyber-Democrazia

“Cyberdemocrazia” è l’opera fondamentale del filosofo francese Pierre Lévy, la cui traduzione italiana è uscita nel 2008: www.mimesisedizioni.it

Pierre Lévy è il profeta della rivoluzione digitale dell’intelligenza collettiva che ha una concezione di filosofia della conoscenza simile a quella Googleliana, ben esemplificata in questo motto: “organizza tutta l’informazione del mondo e non essere cattivo”. Però questo momento magico e mistico del Web potrebbe finire molto presto: i vecchi tentacoli mafiosi dell’economia capitalista stanno imparando a muoversi anche sulle superfici più innovative e virtuali. Di certo tutto il sapere universitario verrà riesaminato e rielaborato dalle diverse culture e dai diversi centri di potere informale e ben presto verrà ridimensionato dal sapere che si formerà liberamente sul Web. Anche la censura involontaria e volontaria del giornalista che ha paura di perdere il posto non ha quasi più ragione di esistere sul web. E i pericoli derivanti dalla mancanza di controllo da parte dei “vecchi esperti” (professori, editori, ecc.) sono in realtà minimi: “i nuovi metodi di gerarchizzazione e di orientamento delle informazioni” permettono la creazione di comunità virtuali affidabili (p. 57) e l’apparire di aspetti odiosi dello spirito umano permette di affrontarli e di migliorarli (la pornografia può venire socializzata e limitata nei suoi aspetti eccessivi, violenti e troppo devianti). L’aumento e la diversità delle fonti di informazione è un elemento fondamentale del progresso umano e in Internet i link aiutano ad approfondire in tempo reale i vari temi presentati (cosa impossibile per radio e Tv).



Tuttavia la Cybercultura nascerà dalla fusione di tutti i grandi mezzi di comunicazione antichi e moderni, dal libro al videotelefonino e le comunità virtuali saranno formate da persone meno fondamentaliste, meno egoiste e più giuste. Quindi le relazioni virtuali fanno aumentare le interazioni tra essere umani e gli incontri faccia a faccia (p. 64) e tutti i documenti formano l’ipertesto globalizzato: il World Wide Web intersistemico (a chi volesse approfondire le scienze cibernetiche consiglio le opere di Norbert Wiener e di Gregory Bateson).

I riflessi politici di questo rapido progresso inarrestabile della conoscenza non sono ancora ben compresi e questo libro riesce a presentare una “sintesi delle trasformazioni che l’avvento di Internet ha provocato sulla vita democratica, a livello regionale e mondiale”, e fornisce molti indirizzi web che riguardano la democrazia digitale (p. 19). Però il pensiero del filosofo francese è centrato sul vantaggio competitivo che consente alle società che investono nella cooperazione culturale di soppiantare le società prive di queste caratteristiche: la società liberale incoraggia un pensiero collettivo della legge e la democrazia traduce l’intelligenza collettiva in politica” (p. 23). Quindi “l’orientamento verso il futuro di una popolazione – la sua capacità di generare e riconoscere le innovazioni più importanti – costituisce un fattore chiave della corsa ai poteri scientifico, economico, culturale… i paesi che hanno avuto il tasso di aumento delle connessioni maggiore nel 2001 sono stati il Brasile e la Cina” (p. 30). Perciò è ora di pensare seriamente alla decadenza dell’Italia che è uno dei paesi in Europa con la percentuale più bassa di cittadini connessi a Internet. Che dire sul nostro futuro? Forse basta dire povera Italia che avrà dei figli sempre più poveri… E da noi la politica tarderà a diventare “l’arte delle rete” partecipativa.


pagina successiva >>

di Damiano Mazzotti (sito) sabato 11 luglio 2009 - 0 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(4 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Parole chiave

Libertà Comunicazione

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione