• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Clima, l’89% degli italiani pensa che sia un’emergenza, ma non s’impegna in (...)

Clima, l’89% degli italiani pensa che sia un’emergenza, ma non s’impegna in prima persona e pretende soluzioni dal governo di turno!

L’89% degli italiani crede che il riscaldamento globale sia un’emergenza e che possa diventare estremamente pericoloso. Lo rivela un sondaggio commissionato dalla ong ambientalista Hope Not Hate e condotto dalla società Focaldata in 8 paesi del mondo (USA, Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Polonia, Canada, Brasile).

Ciò nonostante gli italiani continuano a sporcare e ad inquinare, senza un “mea culpa”! Preferiscono l’auto privata ai mezzi pubblici, lasciano termosifoni e climatizzatori accessi al massimo per tutto l’anno, consumano alimenti e bevande confezionate in contenitori di plastica, gettano cartacce e rifiuti di ogni genere ovunque, si sbarazzano di vecchie tv e frigoriferi rotti lasciandoli sul marciapiede o in discariche abusive, gettano l’umido nella plastica e la carta nella campana del vetro, cambiano un cellulare al mese e hanno tutti la parabolica. Insomma, consumano, sporcano e inquinano senza se e senza ma, consapevoli d farlo, ma poi pensano che una entità astratta come lo Stato, la politica o chissà quale altra organizzazione mondiale metta tutto a posto con un colpo di bacchetta magica! La vecchia storia di chi pretende la botte piena e la moglie ubriaca!

Comunque, in Italia, l’89% degli intervistati ritiene che il mondo sia di fronte ad un’emergenza climatica e, a meno che le emissioni di gas a effetto serra non diminuiscano notevolmente nei prossimi anni, il riscaldamento globale diventerà estremamente pericoloso. L’85% concorda sul fatto che l’Italia stia già vivendo condizioni atmosferiche più estreme quali ondate di caldo, tempeste, siccità e alluvioni a causa del cambiamento climatico, e l’83% ritiene che il cambiamento climatico sia una minaccia concreta per la gente comune in Italia.

Nel nostro paese, il 67% non crede che il governo italiano stia facendo abbastanza per affrontare il cambiamento climatico e il 64% sarebbe più propenso a votare per un partito o candidato politico che dichiari d’impegnarsi per ridurre a zero le emissioni di gas a effetto serra entro il 2050.

Per concludere, l’italiano non s’impegna in prima persona a migliorare la qualità della vita, evade il fisco, sporca, inquina, ma pretende dal governo un paese migliore!

Foto: Pixabay

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità