• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Burundi, rapporto dell’Onu: torture, fosse comuni ed esecuzioni di (...)

Burundi, rapporto dell’Onu: torture, fosse comuni ed esecuzioni di massa

“La tortura in Burundi è motivata da ragioni politiche” e tutto pare indicare che prenda di mira gli appartenenti a una determinata etnia.

Più chiaro di così Jens Mosvig, presidente del Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura, non poteva essere.

Queste parole di dura condanna nei confronti del regime del plurieletto (l’ultima volta nel luglio 2015) e contestato presidente Pierre Nkurunziza sono state pronunciate lo scorso 12 agosto pomeriggio a Ginevra, durante la presentazione di un rapporto sul Burundi alla 58esima sessione del Comitato.

Vi si legge di una completa rottura dello stato di diritto, di un clima di tensione politica e di un ricorso massiccio alla tortura, già denunciato esattamente un anno fa da Amnesty International.

Il rapporto fa riferimento a oltre 30 casi di sparizione forzata348 esecuzioni extragiudizialinove fosse comuni più di 650 atti di tortura compiuti in poco più di 12 mesi: un periodo iniziato nell’aprile 2015 con la decisione di Nkurunziza di ricandidarsi a un terzo mandato e segnato da una spietata repressione ad opera delle sue forze di sicurezza.

Nel corso della presentazione del rapporto, è stata pronunciata più volte la parola “genocidio”, preceduta da espressioni quali “anticamera” e “allarme”.

Se nessuno interverrà per scongiurare il ritorno del genocidio della regione dei Grandi laghi, non si potrà dire di non aver saputo in tempo.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità