Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Mondo > Bangladesh, i giovani blogger atei rischiano 7 anni di carcere

Bangladesh, i giovani blogger atei rischiano 7 anni di carcere

In Ban­gla­desh la si­tua­zio­ne da mesi è in fer­men­to. Alle ma­ni­fe­sta­zio­ni dei gio­va­ni lai­ci di piaz­za Shah­ba­gh, an­che con­tro gli in­te­gra­li­sti isla­mi­ci che fo­men­ta­ro­no vio­len­ze du­ran­te la guer­ra d’in­di­pen­den­za, sono se­gui­te al­tre ma­ni­fe­sta­zio­ni da par­te de­gli stes­si isla­mi­sti, i qua­li han­no chie­sto a gran voce l’im­pic­ca­gio­ne per i blog­ger atei. Per tut­ta ri­spo­sto il go­ver­no ban­gla­de­se, per cal­ma­re gli ani­mi de­gli estre­mi­sti, ha pro­ce­du­to al­l’ar­re­sto di di­ver­si at­ti­vi­sti ac­cu­sa­ti di bla­sfe­mia.

Le or­ga­niz­za­zio­ni per i di­rit­ti uma­ni e per la tu­te­la dei non cre­den­ti si sono mo­bi­li­ta­te a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le per de­nun­cia­re la re­pres­sio­ne. An­che l’Uaar ha scrit­to al­l’al­lo­ra capo del go­ver­no Ma­rio Mon­ti e alle as­so­cia­zio­ni mu­sul­ma­ne in Ita­lia, pro­muo­ven­do an­che una pe­ti­zio­ne per chie­de­re la li­be­ra­zio­ne dei blog­ger e ma­ni­fe­stan­do da­van­ti al­l’am­ba­scia­ta ban­gla­de­se a Roma.

Men­tre le vio­len­ze de­gli isla­mi­sti in­fu­ria­va­no in Ban­gla­desh, l’Uaar si è ri­vol­ta an­che al mi­ni­ste­ro de­gli Este­ri. L’at­tua­le mi­ni­stro, Emma Bo­ni­no, ave­va ri­spo­sto ri­cor­dan­do l’im­pe­gno del­l’I­ta­lia a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le per la tu­te­la dei di­rit­ti uma­ni, di con­cer­to con l’U­nio­ne Eu­ro­pea e le Na­zio­ni Uni­te. Con ri­fe­ri­men­to in par­ti­co­la­re al­l’U­ni­ver­sal Pe­rio­dic Re­view del Ban­gla­desh, ela­bo­ra­to dal con­si­glio di si­cu­rez­za del­l’O­nu, qua­le stru­men­to del­le am­ba­scia­te per “in­ter­ve­ni­re in caso di at­tac­chi, di­scri­mi­na­zio­ni e abu­si nei con­fron­ti di cre­den­ti e atei, po­nen­do sul­lo stes­so pia­no la li­ber­tà di pra­ti­ca­re una re­li­gio­ne, di non pra­ti­car­la o di ab­ban­do­nar­la” e dove è espres­sa la “ne­ces­si­tà di pro­te­zio­ne an­che nel caso di per­so­ne che pro­fes­sio­ni con­vin­zio­ni atei­sti­che o non tei­sti­che”.

Ora gli ag­gior­na­men­ti che ar­ri­va­no dal Ban­gla­desh fan­no pre­oc­cu­pa­re. I quat­tro blog­ger atei ar­re­sta­ti e fi­ni­ti sot­to pro­ces­so sono ac­cu­sa­ti for­mal­men­te di aver of­fe­so l’i­slam: sono per il mo­men­to a pie­de li­be­ro ma ri­schia­no set­te anni di pri­gio­ne. Il pro­cu­ra­to­re Shah Alam Ta­lu­k­dar del tri­bu­na­le di Dha­ka, ha fat­to ri­fe­ri­men­to espli­ci­to alle leg­gi ri­guar­dan­ti la pub­bli­ca­zio­ne su in­ter­net. “Han­no espres­so ma­li­gni­tà con­tro tut­te le re­li­gio­ni”, ha pre­ci­sa­to, e “tut­ti si sono di­chia­ra­ti atei”. In­tan­to cin­que stu­den­ti uni­ver­si­ta­ri sono sta­ti ar­re­sta­ti per­ché coin­vol­ti nel­l’o­mi­ci­dio di Ah­med Ra­jib, un blog­ger lai­co, pro­ba­bil­men­te su isti­ga­zio­ne di un grup­po isla­mi­sta.

Vi­sta la por­ta­ta mon­dia­le del­la re­pres­sio­ne di at­ti­vi­sti non cre­den­ti, il Free­dom of Thought Re­port sti­la­to dal­la In­ter­na­tio­nal Hu­ma­ni­st and Ethi­cal Union, or­ga­niz­za­zio­ne in­ter­na­zio­na­le di cui fa par­te an­che l’Uaar, è di­ven­ta­to an­che un sito. Ai casi pas­sa­ti pur­trop­po se ne ag­giun­go­no al­tri, come quel­lo di Ale­xan­der Khar­la­mov, gior­na­li­sta e blog­ger ateo del Ka­za­ki­stan ar­re­sta­to per “of­fe­sa” alla re­li­gio­ne.

Come de­nun­cia­to da Re­por­ters Wi­thout Bor­ders, è sta­to te­nu­to in car­ce­re per sei mesi pri­ma del pro­ces­so, in­ter­na­to in una cli­ni­ca psi­chia­tri­ca per di­ver­se set­ti­ma­ne e ora la pena è sta­ta com­mu­ta­ta in do­mi­ci­lia­ri dal tri­bu­na­le di Rid­der. Ri­schia quat­tro anni di pri­gio­ne per aver cri­ti­ca­to la re­li­gio­ne su in­ter­net e per le sue in­da­gi­ni sco­mo­de sul­la cor­ru­zio­ne lo­ca­le.

Già si pre­ve­do­no fu­tu­ri svi­lup­pi nel­la piat­ta­for­ma Iheu, per­ché il la­vo­ro è tan­to e de­sti­na­to a au­men­ta­re. Epi­so­di del ge­ne­re ri­schia­no di cre­sce­re, per­ché la se­co­la­riz­za­zio­ne avan­za ovun­que, e in­ter­net la aiu­ta for­te­men­te a dif­fon­der­si. Ma i lea­der re­li­gio­si, re­frat­ta­ri alla cri­ti­che, pre­mo­no sul po­te­re po­li­ti­co per­ché li aiu­ti a man­te­ne­re il loro po­te­re spi­ri­tua­le. Per que­sto è im­por­tan­te che le isti­tu­zio­ni in­ter­na­zio­na­li e an­che quel­le ita­lia­ne fac­cia­no la loro par­te.

 

Questo articolo è stato pubblicato qui


Ti potrebbero interessare anche

Anche per l’Onu le leggi contro la blasfemia vanno superate
Howard Mumma e il maldestro tentativo di cristianizzare Albert Camus
“La cultura delle destre”: intervista a Gabriele Turi
Clericali contro gli opuscoli anti-omofobia Unar per le scuole
Milano: il diritto di avere una moschea


Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità