• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Ah, Emma! Ah, Anna! Elogio del cosiddetto "tradimento"

Ah, Emma! Ah, Anna! Elogio del cosiddetto "tradimento"

Dalle eroine di Flaubert e Tolstoj al rifiuto delle convenzioni sociali. Repressive, ipocrite e totalmente fuori dalla realtà

 

Nella nostra società impera la schizofrenia. Si crede a ciò che non esiste. Non si crede a ciò che si vede, si tocca, si prova. Librifilm, canzoni, ci mostrano – giustamente – un unico amore, quello passionale, folle, maledetto, dettato dall’attrazione fatale, dallo stravolgimento dei sensi, che non conosce regole, convenzioni, remore morali o sociali. Eppure il bonhomme, in pantofole davanti alla propria tv, guarda tranquillamente, sonnecchiando, un film in cui due amanti “tradiscono” i loro inconsapevoli coniugi e non pensa mai che la moglie, accovacciata in vestaglia sul divano, si sia comportata qualche ora prima come l’eroina di cui sta ammirando le gesta erotiche sullo schermo. Così si tramanda la superstizione del matrimonio, della coppia, della famiglia serena e tranquilla. Dell’allontanamento, della rimozione, dell’esilio dei sensi.

Allo stesso modo si perpetua la follia dell’irrealtà: che bello l’abito da sposa e il matrimonio è “il giorno più bello della vita”; che belle la gravidanza, il parto, la maternità!; i preti sono tutti dei sant’uomini asessuati; le forze dell’ordine ci proteggono dai malvagi; le mammine son tutte buone e i bimbi purissimi come angeli; i dottori ci fanno guarire; le donne sono pure, fragili e indifese; i gay sono dolci; gli artisti son sensibili. Che l’esperienza quotidiana ci dica ben altro, non importa, talmente son forti le abitudini, i modelli, i luoghi comuni. La nostra speranza di vita si prolunga sempre di più… forse, ma intanto quella di vita sana si sta sicuramente accorciando; il cancro ormai si cura… allora, come mai vediamo morirne tanti parenti e amici ancora giovani?; ormai la famiglia “normale” (padre e madre eterosessuali non divorziati e due figli) costituisce una piccola minoranza; nessuno va a puttane in Italia… tranne 9 milioni di maschi, cioè quasi tutti; si continuano a fingere consumi e stili di vita da paese ricco, mentre la miseria è dilagante e aumenterà in futuro; nessuno fa più bambini… peccato che il pianeta sia già sovrappopolato e, continuando il boom demografico, non si potrà più pretendere acqua, natura, ambiente pulito, spazi, benessere per tutti; tutti restano commossi dagli spielberghianiSchindler’s List o da Salvate il soldato Ryan… però, per viltà e conformismo, l’umanità sta perpetrando e/o è certamente capace di compiere ancora persecuzioni di massa e guerre.

Eppure l’arte, come al solito, dovrebbe pur venirci in aiuto, fornendoci qualche verità “oltre”. Non a caso «Galeotto fu ’l libro e chi lo scrisse». Già Andrea Cappellano nel suo De amore (1185, in due libri) affermava che il vero amore si realizza fuori dal matrimonio: ovviamente, fu costretto a ritrattare in un terzo volume. Saltando all’Ottocento, Emma Bovary, Anna Karenina ed Effi Briest – create da Gustave Flaubert, Lev Tolstoj e Theodor Fontane – ben presto diventeranno il simbolo del “tradimento”, ma anche del vero amore e della dolorosa estasi, del fascinoso incanto, del rapimento dei palpiti sessuali. Spesso sarà il ballo a essere Galeotto. E dalla passione erotica potranno scaturire inaspettate deviazioni del “normale”, come crimini e omicidi: Il postino suona sempre due volte, afferma James M. Cain. Peccato che le eroine di Flaubert e Tolstoj si tolgano la vita, e altri amanti finiscano male… A dimostrazione dei sensi di colpa che affliggevano anche gli scrittori…

Che brutta parola adulterio: sa di peccato cattolico. Adulterare… ma che significa? Brutto anche il termine “tradimento”. Ma dov’è il tradimento? La scelta è fra tradire le convenzioni sociali o tradire l’amore. Chi “tradisce”, quindi, in realtà non tradisce, perché non tradisce l’amore. Chi non tradisce, invece, tradisce l’eros. Marito e moglie sono coniugi: “congiunti”, ma anche sotto un “giogo”. Però, non “amanti”. Gli “amanti”, invece, sono per antonomasia coloro che si amano. La differenza non è di poco conto. Nel matrimonio tutto è già avvenuto e nulla potrà più avvenire; nel cosiddetto adulterio tutto potrà avvenire (anche se in realtà tutto è già avvenuto).

Le cifre del rapporto extraconiugale sono la libertà (nessuno obbliga gli amanti a proseguire) e la fragilità: tutto è appeso a un filo. Tutto può finire. Non vi è alcuna costrizione. Questi – e altri – elementi rendono l’amore fuori dai legami di coppia eccitante, gratificante, coinvolgente. Felice. Però, intanto, la donna guarda il corpo del suo amante e già pensa a un altro matrimonio, un’altra “tomba dell’amore”… e a partorire marmocchietti. Si dia allora il via alla Sonata a Kreutzer di Tolstoj. Beati, invece, gli amanti che resteranno amanti. Per sempre.

In questo stesso numero di LucidaMente, di argomento analogo, sulla passione “folle”, vedi anche: «Il tuo stile / il tuo culo…», in cui si può leggere e ascoltare una celebre canzone di Léo Ferré, e il racconto di Dario Lodi Finalmente il tradimento!

Le immagini: varie interpretazioni della vicenda di due degli amanti più celebri della storia: Paolo e Francesca.

Rino Tripodi

(Lucidamente, anno VII, n. 83, novembre 2012)

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares