• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca Locale > ARCOLE - FESTA DEI FANTI E DELLA PACE

ARCOLE - FESTA DEI FANTI E DELLA PACE

Il 26 maggio 2019, a poco più di un anno dalla costituzione, l'Associazione dei Fanti di Arcole, guidata dal presidente Giuliano Danieli, ha organizzato una grande festa per la Pace.

JPEG - 177.8 Kb
Festa dei fanti Autorità e labari

E’ stata una bella domenica per l'Associazione dei Fanti: al Raduno Interprovinciale per la Pace c’erano decine e decine di bandiere, labari, gonfaloni medagliati, associazioni di combattenti, autorità militari e civili presenti alla manifestazione, tra cui il Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Nicola Tota, intervenuti dal Triveneto e dalla Lombardia, oltre al sindaco Alessandro Ceretta e alla cons. regionale Giovanna Negro, anche lei arcolese.

 La cerimonia è iniziata da Piazza Poggi con l'alzabandiera al monumento ai caduti, a cui ha fatto da sottofondo la Banda musicale di Veronella.

Quindi è partito il corteo, guidato da due AR Campagnola con i labari e il medagliere della sezione provinciale di Verona, che accompagnato dalla Banda, ha sfilato per le vie del paese diretto in chiesa, tra il consenso del pubblico sui marciapiedi, taluni increduli: “E’ impensabile che in un solo anno la sezione dei Fanti sia riuscita a portare così tanta gente ad Arcole!”, commentavano i cittadini.

JPEG - 90.8 Kb
Il corteo nelle vie di Arcole

Alla Santa Messa, celebrata da don Diego Castagna, il sacerdote ha accolto i rappresentanti d'arma e i fedeli con l'Alleluja: ”E' emozionante questo canto che entra dentro al cuore e in questa celebrazione della Pace, che è anche un impegno civile per gli uomini. Dio manda lo Spirito Santo per donare un sorriso a chi incontriamo, una stretta di mano in segno di Pace. Un cammino che porta alla Pace è il dono di cui tutti abbiamo bisogno. E' avere Dio in mezzo a noi”.

Nel corso della Santa Messa, il vice pres. Gianluigi Varcati ha recitato la “Preghiera del Fante”: “Fa che i Fanti d'Italia siano di esempio a tutti i cittadini nella fedeltà ai Tuoi Comandamenti e alla Tua Chiesa nella osservanza delle patrie leggi, nella consapevole disciplina verso l'Autorità costituita”. Alla preghiera è seguita la benedizione della nuova bandiera, che è stata appesa sull’asta che contraddistinguerà le sfilate dei fanti arcolesi.

JPEG - 108.3 Kb
Discorso del Gen. Giuseppe Nicola Tota

Il corteo è tornato quindi al monumento di Piazza Poggi, ove è stata posata la corona di alloro al monumento ai caduti e si sono tenuti i discorsi ufficiali, iniziati dal sindaco Alessandro Ceretta: “Una cerimonia per la Pace non è scontato che si faccia in un'associazione d'arme. Pace, giustizia, lavoro, sacrificio... questo monumento custodisce i militari che si sono sacrificati per noi, per la nostra Pace e democrazia. Li ringraziamo assieme a tutti i nostri militari che lavorano nel mondo nelle missioni di Pace”.

JPEG - 103.1 Kb
Deposizione corona al monumento ai caduti

E' seguito quindi l'intervento del Generale Giuseppe N. Tota: “I simboli sono importanti in un paese di 6300 cittadini. Sono i caduti che portano altissimi i valori dell'Italia. I simboli dell'Italia sono al di sopra di ogni bassezza e litigio, oggi siamo qui per dirlo e per continuare a testimoniarli sempre. Proprio noi abbiamo il dovere di affermarli nel tempo, ricordando il giuramento che abbiamo fatto. Ad alta voce dobbiamo parlare di questi valori e con l'operato di ogni giorno di vita e di lavoro, confermarli nel tempo. Essere noi Forze Armate testimoni e ringraziare voi qui presenti per la reciproca testimonianza che ci state donando”.

JPEG - 95.7 Kb
Onore ai caduti da parte delle autorità

Hanno poi parlato Vasco Bellini pres. prov. di Verona, Antonio Baretta pres. onorario nazionale e un commento lo ha lasciato anche l'ex on.le Gastone Savio di Monteforte d'Alpone, dove opera una sezione dei Fanti: “Il mio compito oggi è di presenza e di sostegno. Dobbiamo mantenere alta l'asticella dei valori fondanti la nostra società e la nostra democrazia”.

Hanno chiuso la cerimonia le riflessioni del presidente della Sezione ospitante Giuliano Danieli: “La guerra è il 1° mito che la storia ci presenta. Da Caino e Abele a oggi le guerre non hanno mai cessato di ripresentarsi in qualche parte del mondo. E la Pace? È sempre stata intesa come un intervallo tra una guerra e l’altra. Per essere portatore di pace, l’uomo deve prima di tutto essere in pace con sé stesso e con chi gli sta vicino. Senza scordare che la Pace riguarda anche la Terra in cui viviamo e tutti gli esseri viventi che la abitano. La Pace nasce e si irradia dal cuore dell’uomo. Nella cultura competitiva di oggi, è difficile conquistare la Pace, ci scordiamo l’umanità. E per cosa? La 1° Guerra Mondiale, con 5 milioni di morti italiani ci ha dato un po’ di terra in più, ma non la Pace. La guerra è sempre un non valore: è barbarie, irrazionalità, odio, morte… Lo scriveva il Fante Giuseppe Ungaretti, poeta soldato nel 1916, chiedendo: “Di che reggimento siete, Fratelli?”

Rileggiamo insieme tutta la poesia, per non dimenticare:

Di che reggimento siete
fratelli?
Parola tremante
nella notte
Foglia appena nata
Nell'aria spasimante
involontaria rivolta
dell'uomo presente alla sua
fragilità
Fratelli

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità