• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > 4 dicembre 2016: un’apocalisse del Paese

4 dicembre 2016: un’apocalisse del Paese

Il 4 dicembre è stata un’apocalisse, cioè la rivelazione delle intenzioni vere della classe politica e dell’indole dei cittadini. Non c’era da sconfiggere la politica economica del governo renziano, politica economica nel solco della tradizione social-keinesiana degli ultimi 45 anni, ma in verità impedire qualche piccolo cambiamento nella rigida ingessatura del sistema politico istituzionale sociale. Avremmo potuto ritrovarci pressappoco con 200 parlamentari in meno, le province definitivamente abolite; ridotte le commissioni tributarie, le agenzie delle entrate, le agenzie delle dogane, le ragionerie dello stato, gli archivi notarili, le prefetture, le questure, i comandi forestali, le sopraintendenze; per non parlare delle società partecipate, che avrebbero dovuto passare da 8000 a 1000.

Tutto vanificato. Come nel gioco dell’oca si ricomincia dalla casella di partenza. Anzi Forza Italia ed il PD ricorrono alla Consulta per ritornare all’elezione a suffragio universale dei Consigli provinciali. Il sentimento gattopardesco di questo paese non muore mai. Tutti fingiamo di voler cambiare, ma non succede mai nulla di nuovo. I problemi gravissimi del paese, debito pubblico, mancanza di crescita economico-produttiva, disoccupazione, asfissiante pressione fiscale, inefficienza totale della macchina burocratica, non fanno un solo passo avanti. Cresce la sfiducia nel futuro dei cittadini, e quella degl’investitori stranieri nella fragilità del sistema Italia. Le difficoltà quotidiane sono percepite come segnale di un declino inarrestabile. C’è aria di rassegnazione. Ma le preoccupazioni di una classe politica irresponsabile sono la legge elettorale e la data delle prossime elezioni. E l’egoismo e l’insensibilita delle categorie privilegiate quella di tenersi ben stretti privilegi e rendite. Agl’indigenti ci pensi uno stato indebitato ed in bancarotta e ,semmai, con le tasse di tutti. Che Dio ci assista!

Commenti all'articolo

  • Di Persio Flacco (---.---.---.160) 20 gennaio 2017 12:39

    Con questo cosiddetto "sistema bloccato" il PD di Matteo Renzi ha ottenuto che il Parlamento italiano approvasse a larga maggioranza la riforma costituzionale da esso voluta. Il Senato, nonostante una maggioranza meno forte, ha approvato il suo stesso "scioglimento"!

    Questo dimostra platealmente la falsità e la pretestuosità dell’assunto iniziale: quando lo si vuole il sistema non è affatto bloccato, dunque la riforma aveva altri scopi: restringere la rappresentanza e rafforzare il sistema partitocratico.
    Se volesse davvero apportare dei cambiamenti eliminando ciò che blocca il Paese il PD di Renzi potrebbe farlo: inizi a disboscare la giungla legislativa e a sanare un apparato statale orientato alla clientela piuttosto che all’efficienza, e troverà tutti i cittadini italiani schierati a battergli le mani. Ma non provi a toglierci la democrazia.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità