• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Draghi e il debito italiano di credibilità

Di Enzo Salvà (---.---.---.130) 6 maggio 18:50
Enzo Salvà

Superbonus 110% collusivo, criminogeno, prezzi triplicati …..ma quando mai:

(avere idee diverse va bene, fare propaganda anche, ma la disinformazione è un’altra storia).

  1. il dispositivo dispone i minimi qualitativi e di efficienza dei materiali e degli impianti tecnologici che consentono l’adesione al bonus, 

  2. il dispositivo dispone la congruenza dei prezzi tramite i prezzari regionali o DEI 

""Circolare Agenza delle Entrate 16/E 29/11/21 

OGGETTO: Misure urgenti per il contrasto alle frodi nel settore delle agevolazioni fiscali ed economiche – Decreto-legge 11 novembre 2021, n. 157, a pagine 7 e 8, 

In particolare, ai sensi dell’Allegato A, punto 13.1, del d.m. 6 agosto 2020, l’asseverazione attesta il costo massimo per tipologia di intervento nel rispetto dei seguenti criteri: «i costi per tipologia di intervento sono inferiori o uguali ai prezzi medi delle opere compiute riportati nei prezzari predisposti dalle regioni e dalle province autonome territorialmente competenti, di concerto con le articolazioni territoriali del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti relativi alla regione in cui è sito l’edificio oggetto dell’intervento. In alternativa ai suddetti prezzari, il tecnico abilitato può riferirsi ai prezzi riportati nelle guide sui “Prezzi informativi dell’edilizia” edite dalla casa editrice DEI - Tipografia del Genio Civile» (lett. a); inoltre «nel caso in cui i prezzari di cui alla lettera a) non riportino le voci relative agli interventi, o parte degli interventi da eseguire, il tecnico abilitato determina i nuovi prezzi per tali interventi in maniera analitica, secondo un procedimento che tenga conto di tutte le variabili che intervengono nella definizione dell’importo stesso. In tali casi, il tecnico può anche avvalersi dei prezzi indicati all’Allegato I…» (lett. b).""

Ergo, ai fini dell’asseverazione, comandano le disposizioni dei vari governi e loro agenzie: Conte I, Conte II, Draghi, Agenzia delle Entrate ed ENEA dunque, se i prezzi sono triplicati, e non è, i suddetti l’hanno autorizzato. E’ vero che non c’è propensione a contrattare sconti o altro, ma stiamo attenti a non dire fesserie. 

Se è collusivo e/o criminogeno significa solo che i servizi ispettivi non funzionano e che i furbi in questo paese ci sono, ci provano alla grande e ottengono risultati.

Sospetto che questa storia della triplicazione dei prezzi sia una emerita scusa: tutte le categorie inclusa la UE tramite lettera della Presidente della Commissione Von der Leyen, esclusa Confindustria, sono a favore della misura che ha rilanciato più di un settore, ha impedito evasione fiscale, limitato il lavoro nero e fatto introitare IVA oltre ad efficientare un patrimonio edilizio molto spesso scarso con risparmi energetici ed ecologici che potrebbero essere notevoli a beneficio di famiglie che spesso non hanno possibilità economica. Certo, la fetta è grande ed i grandi gruppi rischiano di avere minor lauto guadagno o qualche Grande Opera in meno; anche loro sulle spalle della comunità, foraggiate da sempre con contributi, finanziamenti, decontribuzioni, minori diritti dei lavoratori. 

I sussidi statali alle industrie energetiche carbon&oil, idrocarburi e fonti fossili è stato di 14,8 miliardi di euro nel 2015, potrebbero avere raggiunto oggi, secondo Legambiente, 18,8 miliardi all’anno. (e lei mi parla di gratuità dei bonus?)

Faccio notare che i produttori di materiali e impianti sono grandi industrie, spesso straniere, ma sono migliaia le piccole e medie imprese di tutto il Paese che hanno potuto lavorare e riprendersi ed altrettante saranno quelle che seguiranno le manutenzioni in futuro.

Ho l’impressione che le lobby delle grandi aziende Energia e Appalti pubblici stiano spingendo forte per fare naufragare il tutto e Draghi ne è alleato e ne sembra il portavoce. 

Un saluto

Es.


Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox