• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Se questi sono uomini, le donne cosa sono? (video)

Di paolo (---.---.---.49) 4 ottobre 2021 09:54

Cara Doriana, purtroppo questo è. Viviamo in un paese confessionale che solo formalmente è laico. I tentativi ripetuti di abrogare la legge 194/78, introducendo limitazioni al diritto di autodeterminazione delle donne sono sotto gli occhi di tutti. 

Tornando al titolo, cerco di rispondere alla tua domanda. Io credo che la funzione degli uomini( leggi maschi) sia quella in primis di garantire il benessere e la felicità delle donne (leggi femmine). Sembra retorica ma non lo è. Oltretutto è anche una esigenza di garanzia per la sopravvivenza della specie. Difatti in natura non esiste alcuna specie dove il maschio uccide la femmina. Fa parte solo della natura umana. Allora la risposta è semplice, trattasi di uomini malati e ignoranti che vivono in un delirio di onnipotenza e che sfogano le loro frustazioni sul più debole, ovvero le donne. Picchiare o maltrattare una donna, fino ad ucciderla, è il prodotto di un malsano concetto di equiparazione della donna ad un oggetto di proprietà. Siccome è roba mia ne faccio quello che voglio.

Ma guai a fare di tutta un’erba un fascio. Questi sono malati, gli uomini sono altra cosa. Circa la questione dei medici che si sottragono all’aborto in ragione di una obiezione di carattere religioso, perché questo è il nocciolo della questione ( perfino per fini terapeutici e al netto di situazioni particolari), la soluzione è semplice: un calcio nel sedere e a casa. Fuori i bacchettoni, beghini o bigotti. Non devono restare all’interno di strutture pubbliche. Purtroppo però questo non si può fare perché Santa Romana Chiesa vigila e controlla le armate cattoliche che si annidano in tutti i partiti. Loro la chiamano, come nel caso della eutanasia," obiezione di coscienza", io la traduco in "potere sulla vita e sulla morte".

ciao 


Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox