• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Corbyn e lo scheletro nell’armadio

Di Persio Flacco (---.---.---.225) 9 dicembre 2019 19:52

Nel Labour ci sono problemi di antisemitismo, dice? E’ probabile, dal momento che la Purezza non è di questo mondo. Esiste qualcuno o qualcosa indenne dd impurità? Esiste (può esistere) qualcuno che in sé non abbia nemmeno l’ombra di un pregiudizio razziale?

Io credo di no, ma questo autorizza un altro (gli avversari di Corbin, ad esempio) ad impancarsi giudice?

Circa 2019 anni fa un ebreo, con un colpo di genio, risolse una questione un po’ più spinosa di quella del Labour "antisemita", invitando chi è senza peccato a scagliare la prima pietra. Si sa come è andata, ma erano altri tempi: la gente era più onesta intellettualmente, e nessuno mentì per cavarsi il gusto di scagliare la pietra o per mettere sotto accusa qualcun altro per antisemitismo.

Ma non è più questo il punto, mi sembra. Nella sua requisitoria lei ha abilmente trasformato l’accusa di antisemitismo, in po’ forzata, in quella di filoterrorismo. Corbin, avendo posto dei fiori sulla tomba dei terroristi palestinesi di Settembre nero, ha dimostrato di essere fiancheggiatore del terrorismo. Uhm, forse era più sostenibile l’accusa di antisemitismo. smiley

Deve essersene reso conto, visto che l’ha fatta rientrare dalla finestra col dire che se Corbin non simpatizza con TUTTI i movimenti terroristi ma solo con quelli anti israeliani allora vuol dire che è antisemita.

Il teorema non sta in piedi, ed evito anche specificarne i motivi.

Ma è possibile che a qualcuno stia particolarmente sulle scatole Israele per certi motivi suoi, e ciò non farebbe di lui un antisemita, visto che lo Stato di Israele non è "gli ebrei".

E’ anche possibile che gli stiano sulle scatole gli ebrei, e nemmeno questo farebbe di lui un antisemita, se trattasse gli ebrei col rispetto dovuto, se non agisse per discriminarli o per insultarli, o per diffondere menzogne su di essi in modo da danneggiarli o colpirli. O no?

Per distendere il clima concludo con una divertente storiella. 

Due ebrei si incontrano, scambiano qualche chiacchiera, poi uno dice ammirato all’altro:

che bell’orologio che hai

Ti piace? Era di mio padre. Me lo ha venduto poco prima di morire.

Secondo lei chi ha ideato questa storiella, un ebreo o un goy?


Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox