• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Il rito abbreviato e l’ergastolo: odi et amo

Di Persio Flacco (---.---.---.123) 12 agosto 2018 14:55
Intanto dovremmo riconoscere che il Diritto non ha natura divina e che quindi il vezzo di opporlo al popolaccio tradisce una visione piuttosto elitaria, fuori posto in democrazia. La locuzione "In nome del popolo italiano" non è (non dovrebbe essere) una vuota formula retorica bensì un richiamo all’attualità del rapporto dialettico tra Diritto e popolo sovrano. Col secondo nella veste di committente sia del Legislatore che del Giurista, non in quella di petulante disturbatore.
Quanto al rito abbreviato esso è manifestamente un istituto pensato per porre qualche rimedio alla cronica lentezza della macchina giudiziaria, non l’espressione dell’esigenza di tradurre nel miglior modo possibile i principi del diritto al rito processuale. Un espediente emergenziale dunque, che si è fatto strada nel corpo giuridico non in nome della scienza e della coerenza bensì in nome della necessità di porre un rimedio alle carenze di chi non riesce a dargli piena ed equa attuazione. E, in quanto "espediente", inevitabilmente, se da una parte sana un difetto dall’altra guasta la coerenza complessiva del Diritto. Con questa premessa è ovvio che ogni disputa sul rito abbreviato non può che essere viziata e che, pertanto, non può che muoversi nella stretto spazio tra necessità pratica e coerenza giuridica. Col risultato di essere interminabile e senza esito.
Riguardo poi all’origine della necessità che giustifica l’esistenza dell’istituto del rito abbreviato: la incapacità della macchina giudiziaria di trattare tutti i reati in base alle medesime norme astratte del Diritto, senza scorciatoie e artifici, mi si dovrebbe spiegare per quale motivo alla parte soccombente è riconosciuto il diritto di chiedere il ricorso al grado successivo di giudizio senza adeguata motivazione. In questo modo dall’imputazione alla sentenza, secondo i tempi indicati dalla statistica e dalle necessità fisiologiche di indagine e dibattimento, passano mediamente 10 anni! Certo che il tempo è troppo lungo e che poi vi è la necessità di agire con espedienti vari sulla prescrizione e di ricorrere ai riti alternativi. Tre gradi di giudizio per chi ha i mezzi per mantenere un collegio difensivo per un tempo tanto lungo, ovviamente. Per chi non li ha basta e avanza il primo grado, così che, di fatto, la Legge non è più uguale per tutti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.