• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Il Giornale e lo stupratore seriale

Di Cesare Lazzini (---.---.---.83) 13 luglio 2009 20:52

il problema è che un certo tipo di affermazione in bocca a qualcuno che di mestiere fa lo sputasentenze strumentalizzando ogni cosa non è credibile, per questo sentire che Provenzano aveva la Bibbia nel suo covo, che il Papa con le scarpine Prada ai piedi si preoccupi della fame nel mondo, che Enel si faccia pubblicità dicendo è ora di risparmiare, che CheBanca (Mediobanca) si presenti come la nuova banca simpatia che ti fa ballare e cantare, che Berlusconi sia promotore del Family Day e vada tranquillamente a troie o si pavoneggi con un politico estero di quanti culetti femminili abbia visto il suo bidè, o che i politici dicano cittadini dovete tirare la cinghia mi fa sempre un certo effetto...una frase splendida e piena di significato è tale anche in bocca al criminale più efferato, se provi a leggere il manifesto di Unabomber (quello vero) troverai alcuni ragionamenti condivisibili, sta a noi prendere il buono anche dalla peggior fonte...il problema è quando li metti in relazione con l’emittente, cosa che dovrebbe essere sempre fatta con attenzione e stando ben attenti a non basarsi su due parole in croce per concedere o meno la nostra fiducia a qualcuno! ps basta leggere Pragmatica della comunicazione umana di Watzlawick per prendere coscienza di come la comunicazione sia abusata di questi tempi


Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox