• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Era il 2 agosto a Bologna: che caldo, che fumo, che odore di brace

Di Doriana Goracci (---.---.---.166) 2 agosto 07:34
Doriana Goracci

dai miei ricordi su Facebook, spunta il post di David Sassoli che aveva scritto sulla sua pagina il 2 agosto del 2021 e che riporto oggi: "Carlo Mauri, la moglie Anna Maria e il figlio Luca, 6 anni, partono sorridenti in auto diretti verso la Puglia. Comincia agosto e la piena estate, il mare.All’altezza di Casalecchio di Reno l’auto viene tamponata, ore dopo arriva il carro attrezzi che li porta in un’officina dove trascorreranno la notte alla bell’e meglio dormendo nella vettura.
Al mattino del sabato sperano di poter far subito riparare il guasto e ripartire, ma nonostante vari tentativi non è possibile, dovranno per forza proseguire in treno. Luca protesta vivacemente, sull’auto ci sono i suoi giochi di bambino e non vuole abbandonarli, i titolari dell’officina ricordano ancora il suo sguardo, al momento della partenza.La famiglia Mauri arriva alla stazione di Bologna. Si trova al primo binario, quando questa famiglia spensierata e felice viene massacrata, cancellata, assieme ad altre 82 persone, nella strage fascista del 2 agosto 1980.
Per Carlo. Per Anna Maria. Per Luca.
Per tutte le vittime.
Per il diritto a una verità piena e completa su mandanti ed esecutori di questa pagina ignobile e nera della storia repubblicana.
Per non dimenticare." David Sassoli

La strage provocò 85 morti e 200 feriti, a Bologna

altre notizie sulla mia copertina FB, oggi 2 agosto 2022 https://www.facebook.com/photo/?fbid=6236261613067327




Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox