• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Il più grave incidente aereo della storia sventato per un soffio

Di Truman Burbank (---.---.---.180) 17 maggio 2014 23:29
Truman Burbank

Nel traffico aereo si applica normalmente una separazione verticale tra i diversi aeromobili di 1000 piedi, circa 300 m. I sistemi di allarme (tipo TCAS) non devono segnalare allarmi se tale separazione è rispettata.
Ad alta quota si applica una separazione doppia, 2000 piedi, circa 600 m perchè l’aria rarefatta rende più imprecisi gli altimetri.

Comunque mi sembra di capire che i due aerei erano correttamente separati. E allora bisogna capire quanto sia normale un’improvvisa perdita di quota di 600 m. Comunque ad occhio e croce, o il B757 ha qualche difetto, oppure potrebbe essere il caso di rivedere le normative.
Dopo di che si potrebbe eventualmente adeguare il TCAS alle nuove normative.

Ritornando al caso specifico, mi appare strana una perdita di quota così imponente da parte di un aereo di grandi dimensioni. Di solito sono gli aerei piccoli a soffrire molto per le variazioni locali di pressione, mentre il vecchio B747 (come pure il più moderno A300) ne soffre molto meno.


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.