• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Libere trivellazioni italiane. Il Belpaese è un paradiso per i petrolieri

Di Francesco Raiola (---.---.---.55) 12 giugno 2012 14:50
Francesco Raiola

Caro Pietro può succedere che non riusciamo a scrivere a tutti nell’istante preciso in cui ci sorge qualche dubbio (o semplicemente rispondere a una mail, un messaggio facebook, un commento etc. E’ libero o meno di crederci benché abbia capito l’antifona e "AgoraVox mi ha censurato" fa più effetto). Abbiamo sbagliato a far passare del tempo e di questo ce ne scusiamo, ma appena sollecitati dalla sua mail le abbiamo risposto (no, non aspettavamo di far passare mesi...) pur assicurandole che c’eravamo posti il problema.

- Le chiedevamo fonti che non c’erano nell’articolo. Le abbiamo scritto che alcune cose che avevamo trovato non ci convincevano (non ci convinceva il sito, non ci convincevano le "prove scientifiche" etc e così, come le ho detto, abbiamo chiesto delucidazioni a lei che probabilmente era riuscito ad andare più a fondo nella materia)
- non ci sono fonti giuste e fonti sbagliate ma fonti che vengono valutate di volta in volta (sa, non c’è il bianco e il nero, ma a volte anche il grigio). Noi gliele abbiamo chieste, sì, in ritardo, vero (il motivo del ritardo è spiegato sopra) e lei non ci ha dato modo neanche di guardarle
- Non c’è bisogno della bibliografia ma di fonti, appunto (di questi giochini retorici però possiamo farne a meno? Grazie). E le ripeto noi fonti attendibili non ne avevamo trovate per questo gliele avevamo chieste
- Capita che a volte non si riesca a seguire e rispondere a tutti i commenti che arrivano e spesso lasciamo che il dibattito si attui tra chi legge. Quello era un dibattito interessante e civile come ci piacerebbe ce ne fossero di più...
- Sul voto negativo purtroppo non so darle risposta, non era un nostro voto negativo. Abbiamo più volte chiesto di motivarli i voti negativi ma quello non era la causa principale, come ho cercato di spiegarle, del congelamento. E ripeto ancora una volta che se c’è una cosa di cui dobbiamo scusarci è il ritardo della richiesta di informazioni.

Spero di aver risposto punto per punto (a volte li ho accorpati ma sono facilmente scindibili) ma per esperienza diretta so che lei continuerà a parlare di censura credendo nella nostra malafede (nonostante ad esempio abbiamo pubblicato un pezzo sul medesimo argomento del signor Troiano come lui stesso ha fatto notare in un commento precedente) e in chissà quale intenzione di nascondere la verità, perché chissà quale secondo fine nascondiamo etc etc Io posso solo dirle che abbiamo sbagliato nel ritardo, che le abbiamo chiesto delle informazioni in maniera del tutto limpida e ammettendo la nostra mancanza nella ricerca e lei ha preferito gridare alla censura. Essendo un progetto di citizen journalism può capire che i punti di vista sono tanti e spesso non mi ci trovo d’accordo, né io né tantomeno altre persone che lavorano in redazione (spesso ci sono ampi dibattiti stesso tra noi), ma non per questo gli articoli non vengono pubblicati, anzi (poi sbagliamo anche noi, succede, e non crediamo di essere perfetti, cerchiamo di fare al meglio il nostro lavoro). Detto ciò non sono nessuno per convincerla della nostra buona fede. 
La saluto cordialmente
Francesco

PS parlare di censura in un thread aperto mi fa un certo effetto. Io sapevo che la censura censurava non discuteva, ma chissà forse ci sono cose che sono cambiate e di cui non sono a conoscenza


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.