• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

L’Infedele: ovvero della vergogna

Di Alessandro Bottero (---.---.---.32) 31 gennaio 2009 23:32

mio caro Baculum, segrio nazzaro lo conosco da anni, oltretutto per modi che sicuramente ti risulterano strani, visto che lo conosco da quando lavorava come direttore responsabile di Mega, catalogo destinato al circuito delle fumetterie.

lo stimo, lo rispetto, e sono rimasto colpito dal suo libro.

lo seguo su Left, l’ho letto qui, e se intervengo è perché trovo RIDICOLE le critiche che gli si muovono.

ripeto: nel caso di questo intervento Sergio Nazzaro parte da un’esperienza personale, per riflettere su un dato che coinvolge tutti.
porta dei dati a sostegno delle tesi che argomenta, e fa nomi e cognomi.

dove è il dolo, o la malefede?

io, per indole, diffido e sospetto più di chi usa nick o pseudonimi, perchè il tal modo non "ci mette la faccia".
e questo, se permettete, mi disturba.

quindi, baculum, io non "difendo d’ufficio" nessuno.
RISPONDO a comportamenti ed affermazioni per me prive di logica, e mirate solo a infangare una persona che stimo.

dove è il male in questo?


Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox