• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

L’indifferenza araba rispetto all’Olocausto

Di Eleonora Lorenzo (---.---.---.156) 28 gennaio 2012 18:51
Eleonora Lorenzo

E’ molto interessante quello che dici nella prima parte del tuo commento. In effetti la questione del significato politico della Shoah è un argomento che mi interessa molto e che, secondo me, è diventato un discorso parallelo rispetto alla reale entità dell’esperienza umana dello sterminio nazista. Inoltre. il problema che a me premeva sottolineare era proprio il dare maggiore importanza alle persecuzioni in quanto avvenute contro una particolare etnia più che come progetto sistematico di distruzione e annientamento, che non è cominciato con la questione ebraica, così come non è cominciato l’antisemitismo europeo con lo sterminio nazista. Il significato in sé di quella strage non riguarda solo ed esclusivamente un popolo anche nella sua sistematicità, questo mi preme ricordare: i campi di concentramento e sterminio, l’uso massiccio di gas letali per sopprimere un gran numero di persone alla volta, lo svilimento delle vittime non ha riguardato solo quell’avvenimento, che è diventato importante per la sua ferocia e la sua estensione, ma non è stato unico. Per questo mi permetto di dissentire su " come equiparare lo sterminio degli ebrei a qualunque altro genocidio dimostra solo che non si è ancora capita l’unicità della Shoah, che non sta nell’identità delle vittime, ma nella logica e nel pensiero nazista", proprio perché persecuzioni simili nella logica e nella pratica sono avvenute anche contemporaneamente, successivamente o precedentemente e contro etnie e gruppi diversi da parte di altre entità politiche razziste e nazionaliste.

Inoltre, a me premeva sottolineare la pochezza di metodo del servizio di Ferrari: fondamentalmente il tutto, nel giorno della memoria, si riduce a questo, ricordare un unico avvenimento che sì, riassume in sé altri avvenimenti simili anche se minori per dimensioni e importanza storica, ma a causa di ciò spesso misconosciuti perché messi in ombra. Inoltre, il voler riunire in un’unica categoria di "arabi" posizioni che hanno a che fare con il negazionismo (e che non appartengono al solo mondo arabo, così come nello stesso mondo arabo questa non è l’unica posizione esistente), le questioni politiche anti-israeliane, l’antisemitismo che di sicuro non manca e così via è sintomo, a mio avviso, di un appiattimento delle realtà esterne a quella europea che da troppo tempo ha preso piede. 
Quanto sia utile un discorso sul metodo di questo tipo...be’, probabilmente poco, in fin dei conti, ma è un’idea che mi frulla in testa già da molto tempo, pensavo fosse bene esprimerla. 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.