• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Non sono d’accordo con chi condanna le violenze

Di teresa (---.---.---.184) 17 ottobre 2011 23:10

Ciao Francesco,

Non c´e´una sola riga di  quello che scrivi che io non condivida...Primo fra tutti l´approccio "top down" con cui si affrontano i problemi della marginalita´lavorativa , del precariato, della mancanza di prospettive, dall álto verso il basso, e non in modo partecipativo o "bottom up". Significa imporre le soluzioni anziche´elaborarle e farle condividere dalla societa´. Cosi´a chi viene tolta ogni prospettiva di futuro decente resta tanta rabbia, e´cosi´ovvio da essere banale! Aggiungiamo a questo la demagogia e la discriminazione che infarciscono la politica italiana...temo sempre di piu´che non sia che il preludio agli scenari apocalittici de "L´uomo verticale" di Davide Longo: Leggetelo se ancora non l´avete fatto, e´un pugno nello stomaco che merita di essere preso.

 

Non tutti reagiscono alla rabbia con la violenza...Alcuni nel centro sinistra a quanto pare stanno reagendo con la delazione (denunciare i black blocs o consegnarli alla polizia, che roba da infami fare la spia, che roba indegna!) o la repressione (arresti preventivi! Come ai tempi del fascismo!) ...ma che cavolo succede in Italia?

Io ho reagito alla rabbia nel modo piu´ costruttivo che ho potuto, rinunciando a vivere nel mio Paese, quindi in parte e´stata una scelta radicale, non avevo niente da perdere a parte la vicinanza ai miei fa e agli amici (amatissimi!)! ti scrivo dalla Danimarca, Paese in cui sono emigrata insieme al mio compagno e ai nostri bambini, dato che per due laureati in Agraria poliglotti e non inclini al compromesso come noi l´Italia riservava solo precarieta´ e delusioni lavorative. Gia´ perche´ ormai e´il Bel Paese solo sulla carta dato che il territorio va bene valorizzarlo non in modo sostenibile ma solo con la speculazione edilizia e per riciclare i soldi di evasori e criminalita´organizzata...

Mi manca il mio Paese e non voglio considerarlo solo un pittoresco luogo di vacanza, ma vedendo quello che succede li´ e la differenza nel come vengono trattati i giovani, le donne e le famiglie con bambini qui in Dk (siamo dentro tutte e 3 le categorie), preferisco che i miei bambini crescano qui. Sarei stupida a tornare indietro!

La gabbia e´nella testa delle persone delle vecchie  generazioni al comando, marcescenti e responsabili di allevare i loro gregari e successori nello stesso marciume culturale. Visto che non si decidono a mollare l´osso, o crepano indisturbati in un paese di zombies o saranno spazzati via dalla violenza.

Per come stanno le cose adesso non vedo altre vie di uscita....



Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.