• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Preselezione per preside, una prova da invalidare

Di Giuseppe D’Urso (---.---.---.137) 18 ottobre 2011 13:07

Viene da chiedersi il perchè di così tanta indignazione e di tale sorpresa.
Uno Stato che per mezzo dei suoi rappresentanti ha la faccia tosta di produrre leggi incostituzionali per eliminare l’efficacia delle sentenze di annullamento del concorso e mantiene in vigore una graduatoria insesistente, essendo essa fondata su un atto annullato dalla magistratura, non può certamente preoccuparsi più di tanto di qualche "piccolo intoppo" nella procedura di selezione della nuova classe dirigente.

Viene da chiedersi per pura ipotesi quale efficacia avrebbe questa prova preselettiva se a superarla fossero 30 mila sui 32 mila partecipanti. Infatti, la procedura non prevede alcun limite se non quello del superamento degli ottanta quesiti su cento. In questo caso avremmo perso solo tempo, danaro sprecato solo per eliminare una esigua parte di concorrenti.
Ipotesi certamente fantasiosa, ma possibile anche se improbabile.
Staremo a vedere. Comunque prendila con filosofia se non altro hai fatto un giorno di vacanza.


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.