• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

I nuovi siti nucleari

Di Renzo Riva (---.---.---.35) 8 marzo 2009 10:23
Doc. DISP (79) 7
Scrive
di checco ,
3 gennaio 20:04 I nuovi siti nucleari
Mi sembra ingiusto che solo campania, emilia romagna, lazio e piemonte, tra le grandi regioni debbano ospitarne.

Il tuo dire è parzialmente corretto.
Posso dire che la carta dei siti redatta alla fine degli anni ’70 dallo CNEN (Comitato Nazionale per l’ Energia Nucleare) e che certo l’ENEA originario (Ente Nazionale Energia Atomica) conosceva, tant’è vero che i siti dove l’ENEL costruì le centrali in Italia ne teneva conto, includeva pure Lombardia (parte più a Sud-Est), Veneto (zona Eraclea e estuario del Polesine), Friuli (asta del tagliamento da Dignano fino al mare e fascia litorale da Caorle fino a Monfalcone) ecc.

Le regioni escluse sono: Aosta, Trentino Alto Agige, Liguria, Umbria, Marche, Abruzzo.

Chi desidera ricevere il seguente documento solamente accennato nel titolo scriva o telefoni a:

Renzo Riva
Via Avilla, 12/2
33030 Buja - UD

renzoriva@libero.it

349.3464656

Doc. DISP (79) 7COMITATO NAZIONALE PER L’ENERGIA NUCLEARE

DIREZIONE SICUREZZA NUCLEARE E PROTEZIONE SANITARIA

CARTA DEI SITI

(art. 23, legge 2 agosto 1975, n. 393)

Relazione

Roma, settembre 1979

Edito dall’ENEA, Direzione Centrale Relazioni,

Viale Regina Margherita 25, Roma, Stampa Arti Grafiche S. Marcello, Roma


 


Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox