• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Crisi: il governo della vergogna

Di Dario Campolo (---.---.---.3) 27 maggio 2010 12:00
Dario Campolo

Sergio rispetto il tuo commento ma non lo condivido. Tremonti più volte in tv ha negato la necessità di una manovra e adesso ne fa una dalle dimensioni enormi (l’utlima risale al lontano 1992).

L’evasione fiscale va combattuta, da destra a sinistra, la tracciabilità messa da Visco e tolta da Tremonti era necessaria, finalmente l’anno capito e l’hanno reintrodotta, certo a 5000 euro ma è un passo avanti, evviva....

Siamo il dbito + alto, il pil + basso e siamo i primi in europa sulla crescita nella disoccupazione....se la matematica non è un opinione!!

Certo in questo momento stanno tutti male, ma vogliamo rapportare la Germania, la Francia, la Svezia, l’Inghilterra al nostro paese? Oppure ci basta l’esempio della Grecia??

Secondo me i 26 miliardi di questa manovra (a patto che si riescano a produrre..mhhhh) non bastano, vedremo nei prossimi mesi che saranno utili a farci capire che ne servirà una dalle dimensioni doppie.

Presumo che Tremonti lo sappia ma Berlusconi lo freni....... Buona giornata.


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.