• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Nasce il "Polo della Nazione". Aspettiamo con ansia il simbolo

Nasce il "Polo della Nazione". Aspettiamo con ansia il simbolo

In Italia nascono partiti ogni due per tre. E’ così, lo sappiamo e ce ne siamo già fatti una ragione: deputati che si staccano dal partito in cui sono stati eletti ed entrano in altri con i quali fino al giorno prima erano nemici giurati; deputati che lasciano il proprio partito per formarne un altro più consono alle proprie esigenze, più personalizzabile e plasmabile alla loro persona; deputati che si dicono tutti d’un pezzo per poi aderire a cause che fino all’attimo prima erano considerate vili populismi demagogici.

I deputati italiani rendono benissimo l’idea dei loro comportamenti perché “senza vincoli di mandato”, ovvero non legati a nessun interesse particolare (nemmeno a fare gli interessi della nazione, aggiungerei), pertanto non possiamo farcene un cruccio se poi l’uno passa dall’altro lato della barricata tradendo, eufemisticamente, il voto popolare. Del resto sappiamo, perché lo abbiamo scoperto e capito meglio in questi giorni, che non abbiamo eletto un parlamentare per fare i nostri interessi, bensì un deputato (cialtrone?) che faccia i propri senza pettorina partitica. E questo è un bene se ci pensiamo: chi, tra i milioni di elettori che ogni quinquennio – quando va di lusso – vanno a fare il proprio dovere davanti alle urne, mette la crocetta per portare in Parlamento Tizio e Caio senza pensare nel modo più assoluto al partito in cui corrisponde il nominativo scelto? Ma nessuno, naturalmente! Quindi tanto vale eliminare i partiti e dare a cesare quel che è di cesare. Niente vincoli di mandato, dunque.

L’Italia è però il paese del controsenso ad interim. Invece che eliminare i partiti perché inutili si creano e si disfano alleanze e coalizioni come un colpo di tosse invernale. L’ultimo della lista è il gruppo del centro destra moderato “Polo della Nazione” il cosiddetto Terzo Polo:

È nato ufficialmente il Polo della nazione. «Da oggi queste forze si uniscono in un unico polo e da domani agiremo insieme in Parlamento e nel Paese», ha reso noto il deputato di Futuro e libertà Adolfo Urso, arrivando alla riunione all’Hotel Minerva di Roma dei parlamentari di Fli, dell’Udc di Pier Ferdinando Casini, dell’Alleanza per l’Italia di Francesco Rutelli, del Movimento per l’autonomia di Raffaele Lombardo, dei Liberaldemocratici. Sarà una forza di opposizione seria e responsabile pronta a confrontarsi su eventuali provvedimenti che vadano incontro agli interessi generali degli italiani, a partire da quelli economico-sociali e dalle grandi riforme che servono al paese» dice Casini.

Vediamo chi fa parte del PdN. Futuro e libertà per l’Italia, FlI, nato da una costola deltraditore Fini eletto e al governo come Presidente della Camera a maggioranza Pdl, sono quasi tutte vecchie glorie missine; l’affidabilissima Unione di Centro di Casini, Udc, da sempre con Berlusconi, e all’opposizione in questa legislatura, tutti ex Dc; Alleanza per l’Italia del pasdaran Rutelli: nato radicale, diventato verde, fonda la Margherita e il Partito Democratico (in anni diversi, probabilmente), si stacca per creare il simbolo incerottato; il Movimento per l’Autonomia di Raffaele Lombardo, MpA, sostenuto dall’inossidabile presidente del Napoli Club Parlamento, tutti meridionalisti e autonomisti. Ai partiti sopra citati si aggiungono i Liberal Democratici di Italo Tanoni, i repubblicani Giorgio La Malfa e Luciana Sbarbati, e l’ex liberale Paolo Guzzanti.

Casini dice che il nome non è ancora definitivo e quindi il simbolo non è ancora pronto. Io però non sto nella pelle…

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.126) 17 dicembre 2010 10:36

    Beh in fondo ti puoi consolare con Scilipoti , con Calearo , Moffa e tutti gli altri . Grazie a Dio c’è ancora qualcuno che , dopo dolorosi travagli di coscienza , passa nelle file di colui che rappresenta il bene , l’amore e che ci difende dai comunisti .Anche dai cosacchi che puzzano e violentano le minorenni , specialmente se di origine marocchina .

    Sono eroi che andrebbero degnamente celebrati e da cui le nuove generazioni dovrebbero trarre insegnamento morale .
    Giusto invece che coloro che si allontanano dal partito delle libertà e dell’amore vengano trattati per quello che sono , ossia beceri traditori ,rinnegati senza dignità che non hanno un minimo di riconoscenza per colui che li ha innondati del suo affetto disinteressato.
    Sono tempi duri caro mio , sono finiti quelli belli in cui tutti indossavano una camicia nera ,riempivano le piazze di tutta Italia e gridavano al mondo la loro felicità e il loro orgoglio di essere tutti per uno e per uno solo , Lui , il duce , l’uomo della provvidenza che tutto il mondo (tranne quei copioni dei tedeschi ) ci ha invidiato .

     paolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares