• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Fabio Della Pergola

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo sabato 09 Settembre 2011
  • Moderatore da giovedì 09 Settembre 2011
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 533 979 3010
1 mese 2 0 15
5 giorni 1 0 1
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 83 42 41
1 mese 1 0 1
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.107) 3 maggio 2012 15:25

    Si potrebbe aggiungere che il Vaticano instaurò relazioni diplomatiche complete con Israele solo nel 1993 ! cfr. http://www.mfa.gov.il/PopeinIsrael/...

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.107) 18 aprile 2012 11:59

    Quello che dici mi sembra storicamente discutibile.
    Se il milione circa di ebrei dei tempi di cristo fossero, insieme ai loro discendenti, rimasti tutti e sempre "ebrei" oggi sarebbero tra i 250 e i 300 milioni (dicono gli studi demografici). Invece sono una quindicina di milioni in tutto.

    Questo significa che la stragrande maggioranza delle persone di religione o cultura ebraica si sono, nel corso dei secoli, integrati-assimilati nelle aree di diversa cultura maggioritaria (cioè sono diventati cristiani o musulmani o altro).

    Quelli che sono rimasti ebrei per tradizione non hanno avuto modo, per ragioni storiche di dispersione in microcomunità (che chissà perché sembri descrivere come un minus ebraico), di costituirsi come stato-nazione, ma la separatezza non mi risulta che in sé sia una colpa. Altrimenti sarebbero ’colpevoli’ mille popoli diversi e minoritari, dai rom ai curdi, dagli aborigeni australiani a quelli nordamericani eccetera
    E che dire dei cinesi che ovunque vadano restano chiusi in comunità che non hanno quasi - per generazioni - contatti con il mondo che li circonda ?

    Nel caso degli ebrei poi è emerso il movimento sionista. Il quale, di per sé, non avrebbe dato risultati perché è noto che la maggior parte degli ebrei emigranti preferivano andare in america piuttosto che in palestina. La cose sono cambiate con l’avvento del nazismo e con la persecuzione. E gli ebrei si sono costituiti come stato-nazione. E allora ? Hanno fatto alla fine - spinti da un dramma di portata storica - il percorso che altri hanno fatto prima di loro.
    Non riesco a capire quello che vuoi sostenere.
    In particolare con l’ultima domanda: perché tutti gli ordinamenti nazionali sono di ispirazione greco-romana o cristiana o musulmana e non ebraica ? potrei aggiungere anche non-fenicia, non-assira, non-egizia, non-etrusca... eccetera. Nella storia alcuni hanno vinto e altri hanno perso, e allora ?

    In conseguenza di tutta questa storia è emerso il problema palestinese, drammaticamente irrisolto, in cui esistono ragioni e torti (secondo me) da entrambe le parti. Ma non vorrei davvero riaprire di nuovo questa polemica.

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.107) 16 aprile 2012 17:40

    Quando ho scritto questo pezzo non sapevo che anche in Italia stava succedendo qualcosa di simile, ma evidentemente l’idea che il nostro paese non fosse tanto lontano dall’Honduras (con tutto il rispetto per gli honduregni, naturalmente) ce l’avevo avuto.

    Che dire, nulla di più di quello che dici, Paolo, se non che i conti con questa cultura cristiana dobbiamo farceli, non possiamo più andare incontro continuamente a dibattiti in cui - sempre, anche da sinistra - qualcuno si alza per dire che "il messaggio evangelico delle origini" era buono, riscattava i poveri e le donne... poi è arrivata la Chiesa-Istituzione che lo ha manipolato e travisato.

    Non è vero. La cultura cristiana si fonda sull’idea che la sessualità umana sia di per sé perversa e, dal momento che la sessualità fa parte della realtà umana, anche che la natura dell’uomo sia peccaminosa in origine. Quindi lo scontro è culturale, non solo politico.
    E vale in Europa tanto quanto in Sud America o altrove.

    Che poi la Chiesa cattolica (e non solo) sia antitetica al pensiero scientifico direi che... andiamo sul sicuro !

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.107) 14 aprile 2012 18:24

    In ogni caso, ricordo al commentatore che la mitologia fondativa di quella che comunemente è chiamata "apocalittica giudaica" - da cui indiscutibilmente è sgorgato dopo qualche secolo il cristianesimo - si basa proprio su un primo racconto in cui gli angeli, vista la bellezza delle donne umane, scesero dall’alto dei cieli per possederle; procreando così - per l’evidente trasgressione dell’ordine naturale delle cose - dei mostri di violenza e di malvagità, i "giganti", che diffusero il male nel mondo. Si tratta del Libro dei Vigilanti, primo testo del più ampio Libro di Enoch, canonico nella chiesa copta etiopica.

    Non tutti i cristiani quindi concordano che gli angeli non hanno sesso; qualcuno dice che ce l’avevano e che "l’usarono", dando il primissimo impulso all’idea di una possibile commistione spirito-materia, antica matrice dell’idea cristiana di incarnazione. E, naturalmente, anche immagine manifesta dell’angelo "caduto" che le scritture chiamano diavolo.

    Per il resto rimando al testo di padre Zaleski o all’articolo di Eva Cantarella pubblicato qui http://27esimaora.corriere.it/artic...

    Saluti

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.107) 14 aprile 2012 00:52

    Terrò presente.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Politica Tribuna Libera Società

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità