• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > Fiat batte il resto del Mondo

Fiat batte il resto del Mondo

Mentre la crisi attanaglia l’intero mondo dell’auto, PSA Group (Peugeot-Citroen) in Europa annuncia tagli per 10000 posti di lavoro, negli USA General Motors, oppressa dai debiti e sorpassata nel primato di volumi di vendita dai giapponesi di Toyota, è sull’orlo di un fallimento che secondo alcuni esperti del settore potrebbe portare alla perdita di 2.000.000 di posti di lavoro (indotto compreso), in Giappone anche Toyota piange per i segni della crisi che le farà espellere circa 4500 dipendenti.

Insomma, siamo vicini al superamento della soglia della sopravvivenza, oltre il quale alcune delle aziende automobilistiche mondiali dovranno cedere il passo alle più grandi e chiudere definitivamente la loro attività, è la legge del mercato.

Si chiama competitività.

Quando non si regge più la concorrenza con la gestione dei costi, il contenimento dei debiti, non si rimane all’avanguardia investendo con lo sviluppo di nuovi prodotti, non si generano nuove reti commerciali e strategie di mercato, si è destinati al declino in un mercato così pieno di insidie e sempre pronto a mietere vittime, soprattutto in momenti di rallentamento dell’economia, come quello che stiamo vivendo da mesi. Oggi è stato calcolato dagli esperti del setttore che la capacità produttiva mondiale di veicoli è circa il 30% superiore ai fabbisogni del mercato, pertanto i gruppi più piccoli e meno concorrenziali saranno costretti ad abbandonare la propria mission chiudendo i battenti. Nella lista di questi ultimi papabili era citato fino a qualche mese fa anche il gruppo automobilistico italiano Fiat, ma da qualche settimana molte cose sono cambiate.

E’ proprio da Chieti, una piccola provincia di quell’Abruzzo martoriato dal sisma del 6 Aprile scorso, che nasce la riscossa dell’Italia nei confronti del mondo.


A Chieti il 17 Giugno 1952 è nato Sergio Marchionne, attuale amministratore delegato del Gruppo Fiat.

Da alcune settimane quest’uomo ha messo in subbuglio l’intero mercato mondiale dell’auto. Pur avendo riportato una chiusura del 2008 con un utile netto di 1,7 miliardi di €, il gruppo Fiat non è rimasto fuori dalla crisi, e lo dimostra la cassa integrazione avviata da mesi in vari stabilimenti. A questo punto è spuntata la lungimiranza di costui che ha generato il pensiero non comune di cogliere il lato positivo della crisi  e cioè onde evitare di essere fagocitato da qualche grande gruppo, ha fatto lui il primo passo.

Dopo aver riscosso preventive opinioni di disponibilità ad una trattativa da parte del governo statunitense, Marchionne si è proposto come il salvatore del gruppo automobilistico Chrysler , scosso anch’esso dal vento fallimentare.

Proponendosi come fornitore di nuovi modelli di automobili più ecologici, come Fiat 500 ed Alfa Romeo Mito, e possessore del know-how tecnologico per la loro produzione, è riuscito a proporsi ed arrivare al fondo di una trattativa che oggi 30 Aprile potrebbe battezzare la nascita del gruppo FIAT-Chrysler con potenzialità da 4.700.000 veicoli l’anno.

Sotto la supervisione del governo americano, sia le banche che il sindacato hanno dato il loro consenso all’accordo che prevede che il 55% del capitale di Chrysler finisca in mano al sindacato dei metalmeccanici USA (UAW), la Fiat avrebbe il 35% in cambio dei nuovi progetti e del know-how, il rimanente 10% rimarrebbe a creditori ed al Governo americano.

L’intervento di Marchionne in questa difficile trattativa ha infastidito gruppi automobilistici di fama consolidata e rappresentanti di governi di tutto il mondo, che hanno visto prevalere Fiat nei confronti dei loro prediletti. Questa mossa però equivale ad una scommessa, pertanto non è esente da rischi, sia per Chrysler, che con molta probabilità dovrà passare per una gestione in amministrazione controllata e digerire un piano di forte ristrutturazione, ma anche per il gruppo Fiat che è già alle prese con la gestione della crisi generata dal crollo del mercato per la quale non si presentano prospettive future rosee. Ma in questi momenti se non si rischia si rimane al palo.

Al di là di tutto, che l’accordo si chiuda o no, risulta evidente agli occhi del mondo che per una volta ‘l’orgoglio italiano’ ha superato la bigotta rappresentazione dell’Italia legata a ‘spaghetti e mafia’.

Commenti all'articolo

  • Di Davide (---.---.---.94) 1 maggio 2009 08:48

    Assomiglia molto ad un comunicato del regime che fà l’apteosi del nulla. Ma tutto serve per risollevare il morale

  • Di Paolo Praolini (---.---.---.216) 1 maggio 2009 09:30
    Paolo Praolini

    Noi italiani siamo molto bravi nel demonizzare ogni cosa pur di poter dire la nostra.
    Cogliamo il lato positivo di questo evento che per una volta ha portato il ns paese alla ribalta per una eccellenza degna di merito ed attenzione.
    L’italia non è solo mafia, camorra, ’ndrangheta, corruzione.

  • Di Frattaglia (---.---.---.16) 1 maggio 2009 11:25

    Qua il made in italy, l’orgoglio italiano non c’entra niente. Hai preso proprio un granchio.

    La Chrysler era già in pieno fallimento e tutta questa è un’operazione messa in piedi dalle banche, le quali hanno detto "no, non dichiarate il fallimento adesso. Altrimenti a noi non ritorna niente. Aspettate un pollo che vi assorba e si porti dietro i vostri debiti". Tac, pollo trovato.

    Quindi tutta questa super-potenza di cui tu parli non esiste. L’avrebbero ceduta anche all’officina sotto casa mia.

  • Di Cristiano Fantinati (---.---.---.141) 2 maggio 2009 16:51

    Gli imprenditori italiani sono famosi in tutto il mondo per comprare senza soldi, vedi Benetton-Autostrade Tronchetti-Telecom e Marchionne non è da meno. 

    Fiat fattura un decimo dei suoi debiti, e va a impegnarsi con Crysler, di cui non sono riuscito a trovare il debito, mi pare 6 miliardi, secondo me comunque non lo sa nessuno, e ora, sempre senza soldi, pare che voglia mettere le mani su Opel.

    Le doti di Marchionne come imprenditore sono evidenti, però nessun uomo sano di mente sulla terra (quindi nemmeno lui) è in grado di sapere come andrà a finire quando sarà ora di rendere profittevole la baracca. Se anche ci riuscisse, questo non avverrà prima di alcuni anni, nel mentre?

    Comunque speriamo, io rimanderei il momento di gloria fra tre anni...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares