• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Mandiamo Feltri fuori dalla porta

Mandiamo Feltri fuori dalla porta

Il giorno 4 Dicembre il direttore de ‘Il Giornale’ Vittorio Feltri fa un passo indietro sulla vicenda Boffo, ammettendo di essersi sbagliato a lanciare la devastante crociata che ha portato alle dimissioni dell’ex direttore del quotidiano ‘Avvenire’ lo scorso 3 Settembre, storpiandone un’immagine pubblica alla conformazione di un mostro.

 

Feltri con una mossa che sa molto di autodifesa, rinnega il deprecabile attacco mediatico da lui vilmente perpetrato a carico del direttore Boffo, con cui a fine Agosto lo accusava di aver molestato una signora di Terni come risultava da sconosciuti atti processuali.

Poiil dietrofront, con atteggiamento intriso di aria di redenzione, che non coglie nessuno di noi ascoltatori distratto ed impreparato a tal punto da credere in un profondo e meditato atto di pentimento del direttore de ‘Il Giornale’.

Non vogliamo proprio crederci.

Ormai l’azione persecutoria indotta verso il malcapitato Boffo, ha colto nel centro del bersaglio, il principale rappresentante dell’organo d’informazione al servizio della Chiesa e dei cattolici è stato eliminato, tolto di mezzo con la peggiore delle armi, la calunnia.

Si è nello stesso tempo distrutta la credibilità di un personaggio pubblico e delle sue relazioni, ma soprattutto si è creata una profonda lacerazione nelle sue relazioni private e nella propria famiglia.

Il linciaggio mediatico portato nei confronti del direttore di Avvenire ha avuto un effetto devastante, per la sua immagine e per quella della categoria che il suo giornale rappresentava, porgendo così il manico del coltello incastrato già nella ferita, a quella parte della politica che ne ha golosamente inflitto nuovi fendenti.

A questo punto ritengo che da parte di Vittorio Feltri non si possano accettare ulteriori interventi indirizzati al recupero di quanto già disfatto, darei per scontato per lui una dura prova, una condanna da infliggere che ne dia un rendiconto esemplare verso Dino Boffo e soprattutto verso l’opinione pubblica stanca di questo ‘modus operandi’.

In primis chiederei l’espulsione dall’ordine dei giornalisti e lo radierei da ogni esposizione mediatica su testate giornalistiche o trasmissioni TV a tempo indeterminato, in quanto non più rappresentativo ed attendibile per la categoria a cui appartiene e per l’intera opinione pubblica.

E’ giunto il momento che in questo paese si abbia il coraggio di prendere decisioni forti che possano estromettere dai punti focali della diffusione mediatica, personaggi che praticano sciacallaggio e diffamazione al solo scopo di delegittimare un avversario o un inafferrabile concorrente, sottraendosi in questo modo al più pesante e rigoroso confronto.

Sarebbe troppo facile giunti a questo punto di questa torbida vicenda concedere attenuanti all’intollerabile direttore Feltri ed accettarne con tacito consenso le sue squallide proposte di remissione di peccati, indirizzate al proseguire in un prossimo futuro la sua faziosa disinformazione dettata dal suo datore di lavoro.

Commenti all'articolo

  • Di Tataranchiu (---.---.---.86) 10 dicembre 2009 10:22
    Tataranchiu

    Se Feltri ha diffamato Boffo, questi deve citarlo in giudizio. Perorare l’espulsione dall’ordine dei giornalisti significa legittimare una volta di più questo mostro giuridico che non ha eguali nel mondo democratico. Impedire a Feltri di partecipare a trasmissioni radiotelevisive ha sapore di "editto bulgaro": Feltri deve rispondere in tribunale dei propri atti e nient’altro. Sarà l’opinione pubblica a castigarlo come merita non comprando il quotidiano di cui è direttore, squalificandolo quindi (!) agli occhi del suo editore (!!!).

    Giuseppe Pellerito

  • Di pv21 (---.---.---.23) 13 dicembre 2009 15:56

    Sono le "scuse" alla Feltri. E’ la stessa matrice della sedicente "vittima" del partito dei giudici che attacca i massimi organi di garanzia dello Stato. Non c’è bisogno di INTERROGARE le STELLE per scoprire tra noi questo tipo di "alieni". Non serve scivolare nella PESCITUDINE cercando sicurezza nello specchio dei desideri. E’ altrettanto illusorio aspettare qualcuno che dica: basta!!

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares