• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Ambiente > Biodiesel, carbonio a piene mani

Biodiesel, carbonio a piene mani

Che il biodiesel (o biocarburante) fosse una panacea per salvare il clima, ci hanno creduto in pochi. La dispersione di fosfati e il petrolio impiegati per crescere, trasportare e trasformare i raccolti, rovescia in negativo il bilancio del carbonio. 

 

Quando viene usato, il biodiesel emette meno carbonio del petrolio della comune benzina, ma ormai il danno l’ha già fatto: per fare posto alla monocoltura della soia in Sud America, vengono abbattute ampie fasce di foresta amazzonica e di Cerrado (savana abustiva tropicale che costeggia la foresta amazzonica, essenziale a numerose specie animali).

In Indonesia e Papua Nuova Guinea sono le imprese malesi a drenare le foreste palustri e torbiere, per poi incendiarle e quindi farne piantagioni di palma da olio, mentre milioni di tonnellate di torba vanno in fumo, immettendo in atmosfera quantità immense di carbonio: è stato calcolato che, per questo l’Indonesia è diventata il quarto paese per emissioni di gas serra. Anche in Africa la palma da olio inizia a assediare le foreste pluviali. 

Ingenti investimenti sono distolti dalle energie rinnovabili e allocati sul binario morto degli agrocarburanti. Ben peggio va nei paesi tropicali, dove l’espansione delle piantagioni finalizzate al biodiesel, dalla palma da olio, al mais, alla jatropha, sta spazzando via foreste e torbiere, portando a un rilascio in atmosfera di milioni di tonnellate di CO2. Nuovi dati sono riportati in un Libro Bianco sul Biodiesel recentemente pubblicato dal Rainforest Action Network.

Commenti all'articolo

  • Di Renzo Riva (---.---.---.55) 28 ottobre 2009 18:01

    Ah! Però!
    Ma non era nel programma dei Verdastri e del Pecoraro il ricorso al biocarburante per i trasporti?
    Allora chi dobbiamo dire fosse deficiente quando nel 2007 scrissi in prima assoluta mondiale il seguente articolo ripreso da "Il Piave"?
    Facile parlare di FER (fonte energetica rinnovabile)
    http://www.ilpiave.it/modules.php?name=News&file=article&sid=6892



    Questo scrivevo nel mese di Agosto 2007 a pagina nove
     
     

    - IL CORSIVO -
    LA POLITICA
    ENERGETICA DEI
    VERDI AFFAMERÀ
    IL MONDO
     

    IL PIAVE

     
    Mensile
     
    Settembre 2007
     
    Pagina 9
     
    La produzione di bio-carburanti (bio-diesel e bio-etanolo) richiede l’utilizzo di semi oleagino­si (soia, mais, colza ecc). E notizia di questi giorni che i prezzi delle granaglie dei semi oleaginosi sono quasi raddoppiati nelle contratta­zioni di borsa del mercato agricolo di Chicago. Immediatamente in Italia sono stati aumentati i prezzi al consumo dei derivati, pane e pasta, prima ancora dell’aumento dei prezzi delle relative farine. In Messico è scoppiata quasi una rivolta popolare per l’aumento ver­tiginoso del prezzo delle "tortil-las", il tipico pane a base di mais localmente consumato. Queste sono le avvisaglie di quello che accadrà fra poco a livello planeta­rio. Per l’inverno si prevedono aumenti dei prezzi, generalizzati per il latte e suoi derivati, ancorché per le carni in conseguenza all’au­mento degli insilati, mangimi ecc. entro la forbice dal 10% al 20%. La richiesta delle granaglie per la pro­duzione dei bio-carburanti ha determinato uno squilibrio nel mer­cato delle contrattazioni; la conse­guente loro penuria ha prodotto l’impennata dei prezzi, per la legge della domanda e dell’offerta. Possiamo ben dire ed affermare che la protervia dell’ideologismo ecologico dei Verdi affamerà l’inte­ra umanità e segnatamente i già diseredati del nostro pianeta. Come potranno la FAO e l’ONU fare fronte alla fame nel mondo? Tutte le previsioni e gli interventi da loro effettuati non hanno realizzato nemmeno il 20% dei programmi e degli impegni assunti in passato.

     

    Renzo Riva - Referente perl’Alt(r)o Friùli - Socialisti 2005


    Mandi,
    Renzo Riva
    Via Avilla, 12
    33030 Buja - UD

    renzoslabar@yahoo.it
    349.3464656


     

  • Di Renzo Riva (---.---.---.190) 29 ottobre 2009 12:01

    Salva le Foreste scrive:
    Mi sembra che tutto l’ambientalismo avesse idee chiare in merito.


    Perché, i Verdastri non facevano parte dell’ambientalismo? Seppure becero!?

    Mandi,
    Renzo Riva

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox







Palmares