• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

vittorio

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo lunedì 08 Agosto 2012
  • Moderatore da giovedì 03 Marzo 2013
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 21 45 39
1 mese 1 5 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 63 31 32
1 mese 1 1 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di vittorio (---.---.---.156) 10 ottobre 12:15

    Appunto citiamo FATTI ... ma con i relativi NUMERI che li dimostrano, se no rimangono affermazioni personali; quindi "moria di aziende che fuggono" : quante sono nei confronti di altri paesi simili al nostro, in quali settori, perché fuggono ecc. ecc.

  • Di vittorio (---.---.---.71) 9 ottobre 18:22

    "Un fisco che pretende dalle imprese più del reddito netto..." è una bufala poichè almeno il 90% delle imprese italiane (incluse le PMI) fa profitti e distribuisce dividendi dopo aver pagato le tasse; per di più le rilevazioni Banca d’Italia e Istat dicono che nel 2017 gli utili aziendali mediamente sono aumentati; compiango coloro che si suicidano attribuendo la colpa allo stato ma ammiro di più i loro colleghi che, pur operando nelle stesse condizioni, riescono e prosperano pagando le tasse! Se 9 imprenditori che fanno lo stesso mestiere fanno profitti ed io sono l’unico che perde soldi pur non pagando le tasse non è detto che la colpa sia necessariamente di altri. Se io allevatore padano faccio il furbo e non rispetto le quote di produzione pattuite è giusto che mi becchi la multa ..... mentre è intollerabile che ne schivi il pagamento rifilandola allo stato ... cioè indirettamente a me che compro il suo latte e pago tutte le , tante, tasse che mi vengono richieste anche se in parte causate da evasioni altrui

  • Di vittorio (---.---.---.85) 8 ottobre 18:32
    Buonasera Emilia,
    anche ora condivido ma, purtroppo devo aggiungere che, ahimé, il problema dell’ignoranza della realtà e della credula superficialità con la quale si da retta a slogan semplicistici ma affascinanti,chiacchiere da bar, tweet, ecc. ... è condiviso da noi italiani con britannici (leggi brexit), nordamericani (leggi Trump), francesi (leggi Melenchon e Le Pen) e ora anche parecchi tedeschi.
    Chi approfondisce appare noioso e/o supponente.
    Meno male che alcuni (Lei ed io p.e.) non mollano !
    Cordialità

  • Di vittorio (---.---.---.17) 7 ottobre 18:24
    Complimenti sinceri per la chiarezza e giustezza delle argomentazioni. Aggiungo solo due commenti :
    1. il maggior responsabile dei nostri problemi e squilibri è quella trentina di milioni di italiani (circa il 50% della popolazione) che evadono (oltre 100 miliardi all’anno), corrompono, schivano leggi-multe-tornelli, non vanno a votare ..... e sono così tanti che nessun governo riesce a contrastarne abbastanza; anche perché la nostra fantasia creatrice, in fatto di evasione, è tanto sconfinata quanto affascinante (la penultima è la "separazione legale falsa" che consente a due coniugi con redditi medio-alti , che peraltro stanno bene insieme, di far finta di separarsi per ridurre l’’irpef complessiva
    2. Salvini e Di Maio hanno capito che un’Unione Europea, sebbene moderatamente disunita, non può in nessun caso consentire loro di attuare i loro disegni velleitari (a casa mia comando io e degli altri condomini chi se ne frega); vogliono quindi provocare lo sfilacciamento dell’UE senza pertaltro apparirne direttamente responsabili. Non sono abbastanza stupidi da ignorare che l’Italietta indipendente che sognano conterà nel mondo come il due a briscola ma a loro non frega nulla del nostro futuro reale tantè che sino a ieri predicavano "fuori dall’euro e via dall’UE"
  • Di vittorio (---.---.---.17) 7 ottobre 17:58

    Il maggior costo italiano dell’energia è marginale per la massa delle piccole e medie imprese che hanno piuttosto bisogno di una riduzione dell’enorme cuneo fiscale e degli innumerevoli adempimenti burocratici ; sono questi, assieme alla lentezza e incertezza della giustizia, i fattori che scoraggiano gli investitori esteri,sia quelli già presenti che quelli potenziali. Infatti siamo il 2° paese manifatturiero europeo ma veniamo al 4/5° posto per gli inveestimenti esteri nelle mostre imprese. La FLAT TAX non risolve questi problemi e, se mai verrà applicata sul serio e non solo a poche partite iva, accentuerà il divario fra ricchi e poveri e fra evasori e cittadini virtuosi.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera Satira Politica

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità