• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Continua l’inchiesta sulla Croce Rossa: quei precari diventati a tempo indeterminato

Di l’incarcerato (---.---.---.133) 16 ottobre 2009 11:44

Intanto a proposito del video denuncia che ho postato, ecco una denuncia grave da parte di un medico della croce rossa:

“C’è una continua e incessante richiesta di benzodiazepine. E una grossa richiesta di sedativi e ipnotici.” Ad affermare il massiccio utilizzo di psicofarmaci nel centro di identificazione e espulsione di Ponte Galeria a Roma è forse la fonte più attendibile. Il coordinatore medico dell’ente gestore, la Croce Rossa Italiana. Chiede di nascondere la sua identità, per motivi di privacy, fuori dal Cie infatti lavora come medico di base. G.E., queste le sue iniziali, non nasconde invece la diffusa pratica di somministrazione di sedativi nel Cie. Ma ci tende a sottolineare che gli psicofarmaci sono somministrati soltanto su espressa richiesta dei detenuti. Una richiesta che però – come ammette lui stesso – riguarda “la maggioranza delle persone presenti nella struttura”

http://fortresseurope.blogspot.com/2009/10/sedati-la-croce-rossa-ammette-ponte.html


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.