• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Coronavirus | La Peste e il prosciutto sugli occhi

Di Damiano Mazzotti (---.---.---.91) 28 marzo 18:12
Damiano Mazzotti

Tutto vero il problema psicologico, politico e sociologico nell’affrontare ogni tipo di fenomeno straordinario. E poi le abitudini sono dure a morire. Ma alcune culture più scientifiche e razionali affrontano le cose con più organizzazione. Però anche nei paesi di cultura latina o comunque più emotiva si potevano preparare più scorte di materiale sanitario e si potevano preparare più posti letto con i respiratori. Ma servono le persone giuste al posto giusto. In pochissimi paesi al mondo il vecchio modo di fare politica ha permesso di essere meritocrati. Senza ritornare a un livello minimo di meritocrazia quasi nessun paese del mondo potrà risanare la società e l’economia. Comunque dato che molti vaccini non sono stati trovati in passato per Hiv e Sars forse la soluzione definitiva non verrà trovata e dovremmo imparare a convivere con il virus così come abbiamo fatto con il raffreddore e l’influenza. O forse una cura con gli anticorpi modificati, simile a quella progettata in Svizzera, sarà quasi risolutiva:

https://www.ticinonews.ch/ticino/498842/a-bellinzona-identificati-anticorpi-efficaci-contro-il-covid-19


Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox