• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Annozero, la sinistra e il terremoto in Abruzzo: quali responsabilità?

Di georgia (---.---.---.121) 15 aprile 2009 09:30

Non so se qualcuno lo ha già fatto notare, non ho letto i commenti, ma se il centro destra si è scagliato contro Anno zero (la cui trasmissione è stata stavolta interessantissima) non è certo per le critiche alla protezione civile ... (che poi, in questa legislatura, si occupa soprattutto di grandi eventi come il g8 e i campionati di nuoto) critiche che avvengono sempre in casi del genere ed è del tutto normale in un paese democratico e vengono sempre messe in conto .... quanto perchè qualcuno ha fatto notare, durante la trasmissione, che le regole antisismiche dentro il piano casa erano un po’ diverse da quelle che il sottosegretario voleva dare ad intendere e soprattutto che *solo tre ore dopo il terremoto* è stato tempestivamente cancellato un codicillo (e aggiunto un altro), codicillo che, al contrario, prima eliminava alcuni lacci e lacciuoli, ritenuti troppo limitanti, codicilli che avrebbero favorito certi costruttori (pirati del cemento) che in abruzzo, con le case sventrate, sono apparsi al nudo ma di cui aveva già scritto Saviano nel capitolo Cemento armato del suo Gomorra. Quindi facciamola meno lunga con anno zerosmiley. Io non amo santoro ma ringrazio che ci sia almeno lui nella melassa televisiva che ci sommerge.
Del nuovo articolo che, nel disegno di legge, sostituiva il codicillo della vergogna, aveva scritto Gian Antonio Stella, il giorno prima, sul Corriere l’8 aprile, e poi ne ha parlato Travaglio e anche Settis ieri sulla Repubblica ...

Da Gian Antonio Stella, Eroi e vecchi camion, le due Italie, Corriere della sera, 8 aprile:
«Ed è sbalorditivo, oggi, tornare indie­tro soltanto di qualche giorno. E trovare la conferma che mai, prima dell’apocalis­se di lunedì notte, erano state nominate parole come sisma o terremoti nella pro­posta edilizia del governo alle Regioni del giugno scorso, mai nella prima bozza di un mese del «piano casa», mai nell’in­tesa del 31 marzo. Mai. Oggi Claudio Scajola detta alle agenzie che il piano ca­sa «dovrà essere utile anche per le prote­zioni antisismiche» e il nuovo documen­to dato alle Regioni, ritoccato l’altro ieri in tutta fretta, ha un «articolo 2» nuovo nuovo. Dove si spiega, sotto il titolo «misure urgenti in materia antisismica» che «gli interventi di ampliamento nonché di de­molizione e ricostruzione di immobili e gli interventi che comunque riguardino parti strutturali di edifici, non possono essere assentiti né realizzati e per i mede­simi non può essere previsto né conces­so alcun premio urbanistico sotto alcuna forma ed in particolare come aumento di cubatura, ove non sia documentalmente provato il rispetto della vigente normati­va antisismica».


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.