• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Sicilia: 15 milioni destinati ai disoccupati spesi in escort e regali. 17 arresti

Di Renzo Riva (---.---.---.147) 12 aprile 2015 13:06
Renzo Riva

Vedo solo ora.
Se non ci sono imprenditori capaci di "inventarsi" il LAVORO i corsi servono solo per dare qualche bruscolino ai disoccupati che dovrebbero parteciparvi. Se invece fosse stato fatto un corso di "PROSTITUZIONE come la si esercita" forse oggi gli ELGBT, quindi tutti, potrebbero trovare una opportunità nuova, per quanto sia la più antica del Mondo. Il mercato in questo settore è sempre florido. Ovviamente chi ci si dedica deve adeguarsi alla legge del mercato. . Una mia considerazione scritta nell’anno 2004. 

.

 Il prezzo giusto Mio fratello è (era, due anni fa ha chiuso) un piccolo commerciante al dettaglio (pane e pasta, latte e latticini, salumi, formaggi, bibite, alcoolici e super, biscotti, scatolame ecc.) con una superficie di vendita di circa mq. 40 e mq. 30 di magazzino. Un giorno mentre eravamo a tavola si parlava del più e del meno. Ad un certo punto mia cognata gli contesta la POLITICA DEI PREZZI a suo dire troppo alti. 

Per dimostrarle che sbagliava le ho detto di reputarsi fortunata in quanto il negozio è proprio in centro paese e la gente compra nel suo negozio non per la competitività dei suoi prezzi bensì per il servizio; se accanto al suo esercizio ci fosse un supermercato avrebbe già chiuso da un pezzo in quanto non avrebbe potuto sostenere la competitività. 

Anzi praticando prezzi cosiddetti competitivi avrebbe corso il rischio di chiudere. Al che si salvò in corner dicendo che si doveva mettere dei prezzi giusti ma ad una mia replica non riusciva a spiegare il concetto di prezzo giusto. 

Allora feci la presente domanda: "Io che vado a puttane (rimase quasi interdetta dall’incipit) quale pensi sia il prezzo giusto? Considera che le prestazioni che possono dare sono le più varie e che per la medesima prestazione c’e quella che chiede (ragiono ancora in Lire) L. 100.000, un’altra L. 300.000 ed un’altra ancora L. 500.000. 

Secondo te qual è il giusto prezzo?" Al che e con un malcelato imbarazzo disse che non sapeva darmi una risposta. 

Io a questo punto le diedi questa risposta: "Quello che il cliente è disposto a pagare; per esperienza personale posso dirti che talvolta con Lire 100.000 ho ricevuto una prestazione di gran lunga migliore di altre a maggior prezzo. 

Morale: nel tuo negozio non vengono perché hai i prezzi competitivi bensì per la sua collocazione che permette loro di avere un servizio per il quale sono disposti a pagare i prezzi praticati, seppure superiori a quelli di altri esercizi. 

Pensa alle aziende che esercitano un monopolio e possono fissare il prezzo che loro aggrada, seppure altissimo". 

Quanto ho sopra scritto rappresenta l’eterna legge economica del mercato. 

.


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.