• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Ombre su Wikipedia

Di maurizio carena (---.---.---.230) 16 marzo 2009 13:05
maurizio carena

 Intanto complimenti per il pezzo veramente attuale e interessante.

 Mi permetto di aggiungere alcuni particolari.

1^ il pericolo di essere "infiltrati" esiste per tutti i media, ma credo che per il web si tratti di un falso problema.
 Su internet c’e’ un sacco di spazzatura, MA ANCHE molta roba buona.
 Sui mainstream c’e’ SOLO spazzatura, ovvero propaganda, propaganda e anche un po’ di propaganda.
 Fonti, filtri, inserzionisti fanno si che sul Corsera come al tg5 non si possa trovare nulla che nemmeno assomigli lontanamente ad un’entita’ chiamata "verita’ " (che forse neppure esiste, ma e’ un altro discorso, loro la vogliono proprio nascondere).

 Quindi riassumendo, sul web, compresa Wikipedia, ci si puo’ imbattere nella "verita’ ". Sui mainstream mai, neppure per sbaglio: in essi ogni comunicazione e’ funzionale a qualcosa (normalmente la proprieta’ o i pubblicitari).

 Quindi Wikipedia e il web, per informarsi, sono comunque preferibili a prescindere.

2^ Wikipedia censura.
 Ma questo, che non dico certo solo io, ne per primo, non ne sminuisce l’importanza e la funzione o, perlomeno, non in modo significativo.

 Quella che io indico come una vera e propria censura di Wikipedia l’ho sperimentata personalmente ed in diverse occasioni.
 Nei forum sull’argomento si dice che tale sinistra prassi accade solo in Italia. Non lo so. Ma so, per esperienza, che gli amministratori di Wikipedia applicano un occhiuto e sistematico controllo a quella che piu’ che un’opera collettiva farebbe pensare ad un panopticon censorio su grande scala.
 A me capito’ in due occasioni (poi smisi di scriverci, non meritavano il mio contributo).
 Ricordo bene i contesti e li riporto brevemente anche perche’ sputtanare in diretta i censori di Wikipedia Italia potra’ forse giovare al resto degli utenti (che sono milioni).

 Tempo fa aggiunsi, sulla pagina di Karzai, che il presidente del governo fantoccio usa in Afghanistan era un ex dirigente dell’Unocal. Le parole ovviamente non erano queste ma il succo si.
 Tempo dopo, tornando su tale pagina non trovai traccia delle mie aggiunte (peraltro prese da un libro di Chossudowsky. Vabbe’.

 Censura wikipedia numero due.
 Pagina sugli inceneritori, pagina blindata, quindi dovetti prima registrarmi per contribuire.
 Mi permisi di aggiungere alla scandalosa pagina, chiamata orwellianamente "termovalorizzatori", un’analisi del dottor Montanari sulle nanoparticelle che fanno venire il cancro alla gente e un sacco di soldi nelle tasche dei politicanti e dei loro sodali imprenditori.
 Si trattava di poche righe, ma i vigliacchi amministratori di Wikipedia Italia censurarono subito, in giornata.
 Rimasi allibito.

 Inutile dire, a dimostrazione della loro coscienza sporca, che non risposero mai alle mie perplessita’.

 E inutile dire che questo e’ un esperimento che puo’ fare chiunque su Wikipedia.

 Ma detto questo bisogna sempre contestualizzare.
 E Wikipedia Italia, pur con la sua censura, sistematica e silenziosa, resta una buona base di ricerca, informazione, approfondimento. Basta sapere che su "certi argomenti" gli interessi in gioco fan si che la bilancia possa essere truccata. Ma sul web lo si puo’ capire in poco tempo.

 Forse non tutti sanno che sui mainstream la maggior parte degli "articoli" non sono altro che VNR scritti da marchettari delle pr che si prostituiscono alle aziende di cui sono a libro paga. Il "giornalista" spesso non fa altro che mettere al firma in calce a un pezzo scritto da un prezzolato.
 Questa descritta non e’ l’eccezion, bensi’ la regola dei mainstream.
 Su Wikipedia non e’ nulla di paragonabile, lo constato quando la uso. Ma purtroppo una censura c’e’ comunque. sic.
 
 Consideriamo poi che tale sistema di "avvelenamento dei pozzi" puo’ avvenire, potenzialmente, dovunque. Anche su Agoravox.
 Cosa mi impedirebbe di prendere segretamente soldi dalla Fiat (per esempio) e scrivere che usare l’auto fa bene alla salute o fa crescere il pil?
 Per fortuna sul web, se fossi troppo smaccatamente leccaculo, verrei stigmatizzato dopo 6 minuti. Su Repubblica o Corsera evidentemente no.
 Questa e’ la grande forza del web, Wikipedia compresa. Ma i difett e i pericoli ci sono.
 E’ una lotta continua e non finisce mai.
 
 ....................

 Forse una delle cose piu’ difficili in assoluto da fare su internet e’ una ricerca.
Le informazioni ci sono. Tutte. Di tutto. Ma trovarle, ordinarle, distinguerle, capirle, scartarle, e’ un’impresa quasi sovrumana.
 Ma questo meriterebbe un’altro articolo.

 Complimenti per il tuo.
saluti.
 m.c.








Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.