• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Quirinale: quello che il PD è riuscito, anche stavolta, a (non) fare

Di paolo (---.---.---.121) 18 aprile 2013 23:31

Caro Francesco ,ormai il PD è entrato nella leggenda ,nessuno potrà mai uguagliare questa classe dirigente improbabile che non ne azzecca una neanche per sbaglio ,sono i Bertoldo della politica italiana .

Nel caso specifico l’errore parte da un assunto : " bisogna eleggere Presidente una persona largamente condivisa " che ,tradotto ,significa condiviso anche da Silvio Berlusconi .
La bestialità dell’assunto non è in se stesso perché in un paese normale sarebbe del tutto accettabile e scontato , ma nel fatto che non tiene conto del fatto che in questo paese non c’è nulla di normale ,ovvero che la prima emergenza sociale è proprio quella che rappresenta il Cavaliere di Arcore .

Fossi stato in Bersani avrei detto : " Bisogna scegliere una persona di garanzia della legalità " ,perché questa è la prima emergenza , fregandosene della condivisione da parte del Pdl che tutto è fuorché un partito politico .

Invece Bersani è riuscito nel capolavoro che ci descrivi . Incredibile.
ciao


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.