• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Silvio Berlusconi racconta barzellette sui lager

Di Kocis (---.---.---.85) 25 gennaio 2009 21:36
Gentile signore,
 
si corre il palese rischio di fare grossolana confusione, nel merito, sul metodo…e sui “numeri” ( per riprendere una sua osservazione).
I campi di sterminio nazi-fascisti non furono chiusi (…..non erano dormitori; aperti, poi, sol perché fuoriusciva acqua dai tetti), ma liberati, dopo una violentissima guerra di aggressione scatenata contro l’umanità che, solo in Europa, provocò diverse decine di milioni di uccisi, a parte le immane distruzioni.
Tantissimi, a milioni….sei, sette, otto, dieci, quindici, oltre, gli uccisi nei campi di sterminio. Moltissimi provenienti dai paesi dell’est: ebrei, prigionieri di guerra, rom, partigiani.
La Memoria impressa a fuoco e ancora vissuta nelle carni e nel cuore dei sopravvissuti italiani, deportati e straziati nei Lager, ancora viventi -, massimo emblema etico e civile per le nuove generazioni.
Nessuno può e deve permettersi di irridere alla più grande tragedia dei tempi moderni consumatosi solo 60 anni addietro.
Per non dimenticare le follie finalizzate a costruire la “razza pura”, annichilendo gli elementari strumenti di coesistenza tra i popoli: pace, giustizia, libertà, eguaglianza, democrazia, rispetto.
Questioni, queste, sempre pìù all’ordine del giorno nello scenario complessivo, interno ed internazionale; dal razzismo sempre più dilagante, alla libertà dei popoli ancora oppressi, alle enormi disuguaglianze tra paesi ricchi e “terzo e quarto mondo”.
Non è certo un caso che in Italia il governo della destra, per la terza volta nell’ultimo quindicennio, con la nuova proposta di legge ( n.1360) tenti di equiparare ( proponendo una nuova onorificenza della Repubblica ai soldati e ai militi della repubblica di Salò), i carnefici con le vittime.
Cioè accomunare i combattenti per la libertà con i fascisti della Rsi, diretti alleati dei nazisti, che in molte occasioni, tra l’altro, operarono, vilmente, per deportare nei lager gli oppositori politici, i partigiani, i cittadini di religione ebraica, i “diversi”.
La Libertà duramente riconquistata, a seguito della sconfitta dei nazi-fascisti, è l ‘elemento fondante della nostra Costituzione.
La Memoria, quindi, è uno strumento fondamentale per tutti i cittadini italiani ed europei, di riversare nella quotidianità, sul piano sociale e politico.
Personalmente non “chiudo gli occhi”, proprio per niente.
Su questo sito nell’ultimo mese sono stati pubblicati diversi miei scritti su GAZA, sull’assassinio di massa consumato dai governanti di Istraele, e in generale, sull’orrenda oppressione vissuta dal popolo palestinese.
La invito, quindi, a motivare in maniera più consona la sua scarna comunicazione.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.