• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Cronache dalla frontiera della civiltà. Come l’Università cambia affinché nulla cambi

Di Elisa (---.---.---.201) 4 dicembre 2010 20:57

Non posso dare un giudizio sul Ddl, dato che non ho ancora trovato il modo di leggerlo autonomamente e non amo giudicare in base di pensieri altrui. Ciò che però non mi è affatto piaciuto è la fretta, l’ansia di approvare la riforma ignorando bellamente tutti gli studenti che hanno cercato di farsi sentire.
Sono anch’io contraria alle forme di protesta che inneggiano a blocchi economici o rivolte violente, perché tanto chi ne fa poi le spese siamo noi, non chi è miliardario o ha delle guardie del corpo. E non sarà mai il metodo giusto.
Abbiamo le manifestazioni. Eppure è davvero triste essere perfettamente consapevoli che non serviranno mai a nulla. Lo stato (il governo!) è sordo alle tante voci contrarie, è questo è più il simbolo di uno stato tirannico che di una democrazia. E’ triste, è squallido, è la realtà.
Ci sentiamo continuamente dire che siamo degli sfaccendati, che non abbiamo voglia né di studiare né di lavorare. Eppure cosa ha mandato in piazza così tante persone, se non il profondo senso di ingiustizia provato nei confronti di qualcosa che, dal loro punto di vista, non fa altro che svilire ulteriormente la nostra cultura? Vengono allungati i tempi dell’università, ci sono persone che a ventisei anni sono ancora sui libri.
Trent’anni fa sarebbe stato inconcepibile.
Credo che l’unica sarebbe trovare un metodo di rivolta pacifica, ma efficace. Per il momento, posso solo continuare i miei studi e sperare, un giorno, di cambiare in prima persona questo cattivo andazzo.
Buon articolo, mi è piaciuto (anche piuttosto super partes, ecco perché l’ho apprezzato: è raro).


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.