• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Nucleare: il diritto (opzionale) ad essere informati

Di Paolo Calabrò (---.---.---.133) 11 settembre 2010 14:22
Paolo Calabrò

Comunico ufficialmente, ai lettori di questo giornale, di essere laureato in scienze dell’informazione (informatica) e NON in scienze della comunicazione. Anche se l’avevo già fatto.

Io la notizia la vedo: se nel mio palazzo ci fosse una fuga di metano, senza incidenti, vorrei saperlo subito, non dopo 6 mesi. E se le autorità me lo comunicassero dopo 6 mesi, mi chiederei: perché me lo hanno nascosto? Qual è il motivo? Perché la domanda resta inevasa: come mai le autorità egiziane lo hanno rivelato dopo 6 mesi? E noi: riconosciamo all’autorità il potere di nascondere cose come questa per 6 mesi? Credo che il nodo sia qui.


Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.