• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Kindlyreqd

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 05 Maggio 2013
  • Moderatore da lunedì 01 Gennaio 2019
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 4 15 6
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 0 0 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0






Ultimi commenti

  • Di Kindlyreqd (---.---.---.21) 7 dicembre 2018 18:30

    Quando il M5S (e non finiremo mai di ringraziare Grillo per questo), rifiutò l’apparentamento con quella gatta morta di Bersani e del suo seguito, innumerevoli furono le voci di critica per aver "gettato al vento il patrimonio di voti ricevuto alle elezioni del 2013).

    Ora che il M5S si è accordato con l’unica forza politica disposta e con la sufficiente caratura percentuale di voti da consentire la formazione di un governo, innumerevoli voci (delle stesse persone?) si levano a criticare, ma per motivi esattamente opposti ai precedenti.

    La soluzione è sempre dietro l’angolo, ma non ci si arriva mai a quell’angolo, come in certi incubi in cui si corre, si corre ma si rimane sempre nello stesso posto.

  • Di Kindlyreqd (---.---.---.21) 3 dicembre 2018 16:13

    Questo è il classico esempio di un ragionamento che, nel tentativo di smontare una qualche teoria su un argomento, si auto-contraddice con affermazioni che invece la confermano.
    "gli immigrati accettano di essere pagati con salari più bassi (anche se non è sempre vero) e di fare qualsiasi lavoro pur di poter campare".
    Ergo, se questo è vero, e forse lo è, gli immigrati fanno lavori in cui potrebbero essere occupati nostri connazionali.
    Il che è esattamente l’opposto della tesi di fondo dell’articolo.
    A rincarare la dose, si dice poi che quei lavori non sarebbero comunque accettati dagli italiani, perchè scomodi, quasi sempre malpagati e per di più gli immigrati lavorano bene ed in silenzio senza, aggiungo io sottinteso, fare tante storie come gli italiani, scioperare e rivolgersi ai sindacati mettendo nei guai i datori di lavoro.
    Naturalmente, queste affermazioni sono di fatto opinioni e nessuno è in grado di dimostrare che le cose stiano davvero così, cioè che se non ci fossero gli immigrati davvero i datori di lavoro non riuscirebbero a trovare italiani disposti a farli quei lavori, magari a condizioni un po’ meno penalizzanti di quelle offerte agli immigrati stessi.
    Ma se per amor di ragionamento volessimo dar credito a questa opinione, in ultima analisi l’affermazione del titolo sarebbe di fatto dimostrata: a meno che non si voglia affermare che condizioni di lavoro accettabili e retribuzioni tali da poter almeno vivere dignitosamente, siano dettagli di scarsa importanza e da non considerare.
    Il bello è che i tanti che fanno questo tipo di ragionamento, spesso ci tengono a dichiararsi orgogliosamente antifascisti, senza rendersi minimamente conto che se è vero, come è vero, che durante il ventennio sindacati veri non ce ne erano e di scioperi nemmeno si poteva parlare, è vero anche che l’attenzione verso la famiglia tradizionale come nucleo fondamentale della società, su cui il regime fondava gran parte del suo consenso, faceva si che ai lavoratori venisse garantito almeno un salario in grado di campare una famiglia, per di più numerosa ed in cui solo l’uomo era percettore di reddito.
    La stragrande maggioranza degli immigrati, invece, sono giovani uomini senza una famiglia che devono mantenere solo se stessi; e sarebbe anche interessante sapere se questi giovani uomini mandino anch’essi denari alle madri e mogli restate a casa, come hanno fatto con grandi sacrifici i nostri connazionali negli anni ’50 e ’60, emigrati a lavorare in miniera in Germania, Francia, ecc., alle cui rimesse dobbiamo buona parte del miracolo economico italiano.

  • Di Kindlyreqd (---.---.---.21) 30 novembre 2018 20:11

    Caro amico, che scrivi mettendo volutamente di mezzo solo l’Italia, che in questa storia c’entra come i classici cavoli a merenda, e comunque

    non più di qualsiasi altro Paese europeo e non, forse volevi riferirti in sottinteso (mica tanto, poi) al suo governo, che guarda con occhio a tuo avviso troppo circospetto a finanza e mercati, con particolare riguardo per le società di rating e revisione.

    Oltre a spiegare perchè proprio l’Italia dovrebbe essere particolarmente attenta agli imprenditori "benefattori", mentre gli altri Paesi invece sono immuni dai truffatori e possono dormire sonni tranquilli, dovresti anche completare il quadretto che hai fatto con qualche informazione più approfondita sulla storia di questa Folli Follie.

    Ad esempio, sarebbe utile sapere se i bilanci della Folli Follie avevano già negli anni precedenti quelle storture "scoperte" dalla QCM, sia pure con accettabili scostamenti, sapere cioè se anche nei bilanci precedenti erano iscritti 600 punti vendite ed un fatturato in Asia dieci volte superiore a quello reale.

    Se così fosse, se cioè già nei bilanci precedenti erano presenti quel po po’ di numeri a caso, allora bisognerebbe spiegare come mai le società di revisione che hanno esaminato quei bilanci non se ne sono accorte e li hanno poi tranquillamente certificati. Senza considerare poi gli occhi chiusi della Consob greca, che pure dovrebbe giocare un ruolo di un certo peso nella vicenda.

    Ricordando poi che le società di revisione, che sono legate a filo doppio con quelle di rating, sono il braccio armato della Finanza predatrice e di pochi scrupoli.

  • Di Kindlyreqd (---.---.---.21) 27 novembre 2018 15:41

    Certe domande hanno risposte semplici e lapidarie.

    D: "la Sanità deve essere pubblica o privata? "

    R: Deve essere la migliore possibile nel pubblico, compatibilmente con i soldi disponibili e grazie a corrette procedure di reclutamento e controllo dei dirigenti sanitari e del personale medico e paramedico.

    Il dilemma sinistra/destra è un falso obiettivo, buono per chi un tempo si dichiarava orgogliosamente di sinistra e si accontentava che chi era al governo si dichiarasse anch’esso tale.

    Poi negli ultimi vent’anni, abbiamo visto che l’attaccamento alle poltrone conta molto più di qualsiasi professione di fede, e dichiararsi sinistra (o destra, è lo stesso), non garantisce proprio un bel nulla.

    E forse dobbiamo ringraziare perfino Berlusconi prima, Renzi adesso: è grazie alla loro esistenza che abbiamo aperto un po’ gli occhi, dato che la cosiddetta sinistra di governo ha giocato tutte le sue carte a cercare di combatterli nelle aule giudiziarie nel tentativo di restare incollati alle poltrone, scordando di fare politica vera e dei bisogni reali della gente.

  • Di Kindlyreqd (---.---.---.21) 25 novembre 2018 00:16

    Nel frattempo, le persone di buona volontà e garantiste a tutto tondo, potrebbero proporsi per accogliere e ripulire quei rifiuti in casa loro. Poi la magistratura accerterà, nei modi e nei tempi necessari, se erano davvero pericolosi oppure si è trattato dell’ennesimo "flop".

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera Politica

Pubblicità


Articoli più letti

  1. Guelfi e Ghibellini

Pubblicità



Palmares

Pubblicità