• giovedì 24 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Politica > Terremoto in Nord Italia: le previsioni inascoltate e le disposizioni del (...)
di Alberto Biscazzo mercoledì 30 maggio 2012 - 11 commenti oknotizie
23%
Articolo interessante?
 
77%
(9 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Terremoto in Nord Italia: le previsioni inascoltate e le disposizioni del Governo

Disclaimer: questo articolo non vuole suggerrire un appoggio favorevole alle ipotesi complottistiche che la rete mette a disposizione giorno dopo giorno. Vuole altresì essere uno spunto di riflessione sulla percezione del terremoto nelle sfere alte, e come, a tali emergenze, risponde il governo.

Il 20 maggio 2012 la terra trema in gran parte del nord Italia. L’epicentro accertato è sito in Emilia Romagna, a pochi chilometri da Bologna. Si tratta di una scossa forte, con magnitudo 6,00 e che provoca 7 vittime.

A far discutere, per un breve periodo di tempo dopo la scossa, è una legge del governo Monti, il D. L. n. 59/2012, circa le Disposizioni urgenti per il riordino della Protezione Civile, il quale afferma che “al fine di consentire l'avvio di un regime assicurativo per la copertura dei rischi derivanti da calamità naturali sui fabbricati a qualunque uso destinati, possono essere estese tutte le polizze assicurative contro qualsiasi tipo di fabbricato appartenente a privati”. Tutto chiaro? In altre parole, lo Stato non è necessariamente obbligato a rimborsare i danni causati da tali eventi naturali distruttivi.

Non è ancora ben chiaro come lo Stato agirà nei confronti del terremoto appena accaduto. La Protezione Civile sta comunque intervenendo per portare soccorso alle popolazioni colpite dal sisma. Ma fino a che punto una legge del genere può essere considerata “giusta”?

Uno spunto di maggiore riflessione, poi, ci viene dato da una notizia apparsa sul Corriere del Mezzogiorno, il quale afferma che il “Centro Enea” di Bologna, attraverso due algoritmi, aveva previsto un possibile terremoto nel nord Italia prima che questo effettivamente accadesse. 

La notizia appare il 21 maggio 2012. Sempre nell’articolo si legge che il direttore Alessandro Martelli è preoccupato per il sud, in particolare per la Sicilia e la Calabria, dove esiste la possibilità di un sisma molto più forte. Una paura infondata? Eppure, proprio nella notte precedente alla seconda forte scossa nel Nord Italia, la terra ha tremato in Calabria e Basilicata. La magnitudo era molto più bassa di quella prevista, ma quanto ancora vogliamo rischiare prima di renderci conto che, forse, dovremmo dare ascolto anche ai metodi sperimentali?



di Alberto Biscazzo mercoledì 30 maggio 2012 - 11 commenti oknotizie
23%
Articolo interessante?
 
77%
(9 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Parole chiave

Governo Terremoto Previsioni

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione