• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Tap4job: la mobile app del micro lavoro

Tap4job: la mobile app del micro lavoro

Si chiama Tap4Job ed è la prima applicazione del mercato del Microjob scaricabile gratuitamente dall'App Store. Anche il Politecnico di Torino ne ha fiutato le grandi potenzialità, inserendo questo progetto nella fase di “pre-incubazione”. Una doppia soddisfazione per Guido Di Carlo e Marco Milone, due startupper torinesi, che hanno deciso di lanciarsi nel mondo dei cosiddetti Gig.

Già, ma che universo si nasconde dietro queste tre lettere?

«Un mondo di lavori temporanei e a brevissima durata, un mondo di prestazioni lavorative che abbracciano le tipologie più diverse di professionalità, artigianali e professionistiche» - ci racconta Milone, sviluppatore iOS e creatore di applicazioni per smartphone.

Da un lato c'è chi ha bisogno di servizi di qualsiasi tipo (giardinaggio, idraulica, traduzioni, etc.) dall'altro professionisti in cerca di nuovi mercati e tuttofare in attesa di portare a casa qualche soldino, una compagine trasversale di lavoratori atipici con la necessità di crearsi un reddito.

Il problema della disoccupazione non lo risolvono certo i Gig, che non aiutano neanche a contrastare la progressiva divisione del lavoro. I lavori temporanei sono una delle mille facce di questa era economica. Assomigliano però ad una aggiornata forma di economia domestica, a una riedizione in chiave 2.0 di quella dignitosa mole di lavoro nascosto che nell'Italia del Dopoguerra e del boom ha aiutato le famiglie italiane ad uscire da una condizione di povertà. Altri tempi, altri contesti.

Di Carlo, laurea in economia e un lavoro da consulente finanziario, ne è consapevole:

Uno dei nostri obiettivi è anche quello di creare un network di servizi in cui le persone si aiutino a vicenda. Abbiamo bisogno di nuove forme di socialità e di interconnessione, e soprattutto, dal punto di visto lavorativo, di nuove forme di collaborazione che aiutino a sviluppare e rafforzare nuovi mercati locali.

L'applicazione è fortemente geo-localizzata (gli annunci si trovano nel raggio di 150 km rispetto alla propria posizione), è molto intuitiva, dialoga con i social network ed è fruibile attraverso pochi passaggi sia per chi richiede una prestazione e sia chi offre la propria professionalità. Dopo il download e l’installazione gratuita, bisogna loggarsi, selezionare la città di domicilio e effettuare la ricerca. Con il sistema di Push Notification, il sistema avvisa l’utente ogni qualvolta viene inserito un annuncio nuovo nella sua zona di interesse. «In questo modo, attraverso la notifica personalizzata dell’annuncio, è come se il lavoro si offrisse direttamente all’utente».

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità