• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Suicidi: vittime della crisi? Intervista all’antropologo Felice Di (...)

Suicidi: vittime della crisi? Intervista all’antropologo Felice Di Lernia

Uno degli argomenti più scottanti degli ultimi tempi è quello dei suicidi: imprenditori e lavoratori (qui i dati della Cgia di Mestre) che decidono di togliersi la vita sopraffatti dalla crisi. I social network sono piene di storie che rimandano elenchi e nomi e date. La crisi sembra stia mietendo davvero le proprie vittime.

Ma siccome la “crisi” è un termine che ultimamente sta giustificando qualsiasi pratica, così come “l’Europa ce lo chiede” come ci ricorda Di Lernia alla fine dell’intervista, noi abbiamo provato ad andare oltre, o meglio, alla fonte, interrogando un antropologo, sul fenomeno dei suicidi. Il suo contributo è, per quanto scientificamente pregnante, poco sorprendente: la società è troppo veloce e quindi qualcuno non riesce a mantenere la pressione e decidere di scendere dalla giostra in movimento, ma quello che in realtà è illuminante, delle sue parole, è che la “cura” scelta per limitare i danni, sembra sia più pericolosa della malattia stessa.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.251) 14 giugno 2012 11:30

    Mmmh, non so. L’idea dell’accelerazione della società, oltre ad essere trita, potrebbe benissimo essere sostituita da molte altre: la perdita progressiva di empatia, il suicidio rituale o il suicidio altruistico, la "patologizzazione" del fallimento, la teoria dei rifiuti e la crisi del consumismo e così via, di cui l’antropologia è stracolma, passando dalla medica alla culturale. 
    Inoltre, l’idea della "società tradizionale - lentezza" non mi convince. E’ vero che in una società più piccola, più contenuta e più radicata nella sua tradizione esistono più sistemi di contenimento delle crisi, ma soprattutto per via della vicinanza fra le persone e le reti di solidarietà (e non sempre da considerarsi in termini di altruismo disinteressato), non certo per via della "lentezza" che non è, in questo caso, un valore misurabile perché i cambiamenti non sempre sono strutturali e non riguardano tutti.
    Voglio dire: il suicidio è diffuso anche nelle società "tradizionali" come rimedio per una colpa commessa o un’onta subita, allora si potrebbe parlare della colpevolizzazione del fallimento e del suicidio come espiazione e sulla carta sembrerebbe un’idea altrettanto valida. 
    Mi sembra molto fuffosa quest’intervista. 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares