• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

RobertaLemma

RobertaLemma

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 06 Giugno 2009
  • Moderatore da venerdì 07 Luglio 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 72 20 146
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 0 0 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di RobertaLemma (---.---.---.218) 18 ottobre 2011 10:40
    RobertaLemma

    Chiedo scusa, una scusa dettata dalla fretta e dall’incapacità di vivere con distacco vicende simili.
    Il nome esatto è coniugi Orsino.
    Grazie
     

  • Di RobertaLemma (---.---.---.199) 23 giugno 2011 09:36
    RobertaLemma

    Non sei il solo e non sei solo. Non conosco la tua storia tributaria, ma, sappi, che ve ne sono da far rizzare i capelli in testa.
    Se posso aiutarti in qualche modo..
    roberta-lemma@libero.it
    Ciao

  • Di RobertaLemma (---.---.---.252) 6 maggio 2011 13:02
    RobertaLemma

    Andrebbe intervistato, sul perchè Di Pietro e non Borsellino, Paolo Cirino Pomicino - Geronimo

  • Di RobertaLemma (---.---.---.252) 3 maggio 2011 10:41
    RobertaLemma

    Buongiorno sig. Salatino.

    Ogni medaglia ha il suo rovescio: una legge è valida e autoritaria se l’organo giuridico che deve vigilare sulla sua attuazione è un organo indipendente. Non è il cado dei nostri tribunali, procure e magistrati. In questo senso il testo del 2007 potrebbe non sortire effetto alcuno.

    La costituzione di un comitato scientifico potrebbe avere la stessa valenza ed importanza di una legge, se, il comitato, fosse organo indipendente e non costituito, come si usa fare per banche e cda vari, dal governo. Come vede il cane si morde la gola. Nel corso degli anni si è sistematicamente travasato ogni potere nella camera del consiglio dei ministri. Esso può legiferare mediante emergenze e deroghe, può nominare i membri nei cda di giornali, reti televisive, banche e comitati vari, basta vedere quello sulla TAV o sul nucleare, esempi recenti.

    Il parlamento è stato spogliato del suo compito, le leggi non possono essere proposte, mediante raccolta firme, dal popolo, le interrogazioni parlamentari non hanno più alcun potere e rispeto e le commissioni sono a tutti gli effetti di proprietà del governo.

    Ci hanno circondati.

    Sarebbe bene costituire un comitato indipendente come sarebbe giusto dare al comitato stesso lo strumento su cui basare le proprie denunce; il testo del 2007. cosa denunciare se il reato non è riconosciuto tale?

    Quindi, dovremmo togliere i poteri al governo, poi fare reato penale il reato ambientale e contemporaneamente istituire il comitato. Questa sarebbe la prassi giusta, è il tempo a mancare, la lucidità, l’unione delle forze sane della nazione.

    Tutte le battaglie sono inutile se non finalizzate, però, ognuno di noi potrebbe instaurare un braccio di ferro sulle diverse tematiche; chi per il ripristino dei poteri al parlamento, chi per il testo del 2007 e chi per il comitato. Così si guadagnerebbe tempo e la battaglia non sarebbe più inutile perchè finalizzata, le pare?

    Resto a sua disposizione.


    Buona giornata.


    Roberta Lemma

  • Di RobertaLemma (---.---.---.252) 1 maggio 2011 20:19
    RobertaLemma

    Gentilissimo sig. Salatino,
    intanto grazie per il sostegno che è sempre piacevole ricevere.
    A volte resto meravigliata io stessa da questa incredibile vicenda campana, ma, poi, leggo di Malagrotta, di Palermo, di Taranto, di Padova e Arezzo e mi dico: gli altri san nascondere meglio di Napoli certi imbrogli!
    Ho, nel corso di questi mesi, praticamente telefonato e interloquito con tutti: associazioni, comitati, magistrati, politici e importanti organizzazioni mondiali e nazionali e con le istituzioni. Cosa ho concluso? Cosa ho ascoltato? Frasi di circostanza, di scuse, di fastidio, promesse.
    Si sta violando la legge; codice civile e penale, direttive europee e mondiali se pensiamo che molti siti sono patrimoni del mondo. In questi giorni di campagna elettorale sto rompendo l’anima a tutti i candidati, tranne a quelli che so, per certo, esser portati dalla camorra: a tutti chiedo di cercare, trovare e tirar fuori un testo di legge del 2007, approvato dal presidente del Consiglio Prodi e mai attuato. Fatto cadere Prodi ( che ha le sue belle pecche ) il testo di legge è stato fatto sparire.

    Disegno di legge recante Disposizioni concernenti i delitti contro l’ambiente. Gli articoli più importanti riguardano:

    inquinamento ambientale;

    alterazione del patrimonio naturale, della flora e della fauna;
    traffico illecito di rifiuti;

    traffico di materiale radioattivo o nucleare;
    Danno ambientale. Pericolo per la vita o l’incolumità personale;
    Delitti ambientali in forma organizzata.
    Questi alcuni dei reati introdotti dal disegno di legge approvato dal Consiglio dei Ministri nella riunione del 24 aprile 2007.
    Questo importante disegno di legge, firmato e quindi approvato, doveva essere successivamente inserito nel Libro Secondo del Codice Penale del Titolo VI-bis intitolato:

    Dei delitti contro l’ambiente".

    Questo significa che i vari comitati e magistrati denunciano reati non contemplati e quindi non perseguibili a norma di legge.
    Tutte le inchieste, i processi in corso, sono puro fumo. Servono solo a far star buoni, a tratti, chi spreca tempo ed energia per far valere i propri diritti civili.
    Il piano rifiuti appena varato non lo commento neppure.
    La cittadinanza, quella parte che si è salvata dal luogo comune e dalla sotto cultura, è una parte piccola e spesso incapace di individuare il vero nemico e quindi incidere positivamente nella battaglia.
    Non credo rientri nei doveri dei cittadini il dover far rispettare una legge che nemmeno esiste.
    Io che abito in un comune che fa la differenziata porta a porta dal 2002 assisto ai camion che poi sversano, il nostro differenziato, ammucchiandolo nella discarica assieme ai rifiuti di Napoli.
    L’unico motivo per cui si proibisce a Napoli di fare la differenziata è proprio questo, creare il disordine, l’ombra che permette ai tir che trasportano certi rifiuti e materiali di passare assieme ai tir di rifiuti solidi urbani. Non ci sono novità, non si può parlare di Napoli senza correre il rischio di dire banalità perchè di banale criminalità si tratta.
    Comunque, per concludere, la invito a diventare lettore di questo portale che fa, ogni sanno giorno, una rassegna inquinata di Italia, di tutta Italia. Napoli è diventata solo un’attrazione.
    Il vero nemico si nasconde nel consiglio dei ministri, è li che si decide e si delibera è lì che il CIPE decide i ’’ banchettatori’’. 
    http://rebaonlus.eu/it/

    Per smettere di scrivere, raccontare e lottare, dovrei chiudere occhi, orecchi e bocca: soprattutto occludere il cervello.
    Ancora grazie.
    Buona serata.

    Roberta Lemma


TEMATICHE DELL'AUTORE

Cronaca Cronaca Locale Economia Società

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità