• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > Report – L’amara giustizia e le divise delle forze dell’ordine, la lista degli (...)

Report – L’amara giustizia e le divise delle forze dell’ordine, la lista degli allergeni nei ristoranti

C'è un sistema di potere su cui stanno investigando i magistrati, che avrebbe condizionato le elezioni regionali in Sicilia, corrotto, comprato sentenze. Di questo si occupa il servizio di Luca Chianca. Ma prima, nell'anteprima, un servizio di Cecilia Bacci su come non sono tutelati i consumatori italiani che soffrono di allergie nei ristoranti italiani.

E' intollerabile di Cecilia Bacci
 
Per il regolamento europeo 1169 ristoranti, bar, pasticcerie dovrebbero pubblicare la lista degli allergeni nei cibi che offrono (sono 14 quelli previsti dalla legge): la legge è del 2011, ma sono entrate in vigore nel 2018.
Nonostante questo la legge non è bene applicata: la lista degli allergeni (che possono provocare un shock anafilattico) non è disponibile in molti di questi esercizi commerciali.
Dario Longo, esperto di diritto alimentare, la considera una violazione dei diritti del consumatore, che deve poter leggere se un alimento, un cibo, un preparato è idoneo per lui.
 
Rossore, asma, disturbi intestinali sono i disturbi più leggere, ma si può arrivare anche ad uno shock, per cui la persona va portata subito al pronto soccorso.
Queste persone, con delle allergie, devono muoversi con dei dispositivi da portarsi dietro, almeno due stick in realtà, per fermare la reazione ed essere sicuri: per queste, mangiare fuori casa è causa di ansia, specie se non sai se il cibo che stai mangiando è entrato in contatto con prodotti pericolosi.
In pochi casi nei menù trovi la lista di tutti gli ingredienti: chi controlla l'applicazione della legge europea? Anche i vigili possono fare questi controlli, possono dare sanzioni fino a 24mila euro (che sono arrivate solo di recente, nel 2018).
 
Oggi non sappiamo quanti siano le persone con allergie, servirebbe fare fare tutta una serie di analisi, dai cittadini ai centri allergologici: nessuno fa il proprio dovere, né al ministero, né tra i ristoranti.
 
Il fascino della divisa – di Emanuele Bellano
 
IL ministro del prima gli italiani (ma non è il solo) indossa le divise delle forze dell'ordine che però non sono fatte in Italia. Come tante altre parti del made in Italy è finita all'estero, in aziende italiane che hanno delocalizzato in Romania e Moldavia.
Pagate ad un prezzo non giusto, visto che capi che costano 90 euro, sono pagati da noi fino al 40% in più.
 
 
L'amara giustizia – Luca Chianca
 
Oggi il nemico si combatte con la delegittimazione, coi dossier, con le indagini pilotate: dietro il sistema Amara, avvocato dell'Eni, secondo le accuse che gli vengono contestate dai magistrati, c'era anche questo.
Il servizio di Report comincia da un ufficio dell'Eni a Roma, personale di Scaroni: è rimasto operativo anche fino a poco tempo fa, qui l'avvocato Amara gestiva le operazioni non istituzionali per conto dell'azienda.
 
Amara, nell'intervista con Chianca, ne parla di ufficio top secret: in questo ufficio si incontrava con l'avvocato Granata, braccio destro di Descalzi.
Amara era riuscito a bloccare altre interviste di Report, come quella fatta con Armanna dove parlava della tangente per il blocco OPL245: Eni aveva chiesto alla Rai di bloccare quell'intervista, pericolosa per l'azienda.
Armanna aveva raccontato che 50 ml di quella tangente era rientrata cash in Italia e rientrata nella disponibilità dell'Eni stessa: Chianca era volato in Congo, per intervistare l'imprenditore Ottonello. Chianca è stato detenuto per due giorni in carcere e qui ha perso parte del materiale girato: Amara racconta di essersi mosso per bloccare il lavoro di Report, parlandone con Luca Lotti (allora sottosegretario del governo Renzi).
 
I rapporti non istituzionali passavano per Amara: Armanna doveva essere fermato per le sue accuse fatte contro Descalzi, alla procura di Milano.
In che modo fermato? Rovinandone la sua immagine.
Alla fine il servizio di Report è andato in onda lo stessi mentre il deputato Lotti, ha negato quanto riportato da Amara, spiegando che si difenderà in Tribunale.
 
Amara è il fine architetto di un depistaggio internazionale: è lui l'autore delle lettere anonime finite alla procura di Trani e poi quella di Siracusa con sui si era inventato un finto complotto contro Descalzi.
Con quel finto complotto internazionale si è poi fatto fuori il consigliere Zingales, membro del cda dell'Eni che stava facendo domande scomode (al responsabile dell'ufficio Legale Mantovani) su quella tangente in Nigeria.
 
Le lettere anonime, partite dai vertici dell'Eni, portarono a delle denunce che poi non ebbero seguito: ma a seguito di queste, Zingales si dimise.
Amara era l'autore delle lettere e, sostiene Armanna, un ruolo lo ha avuto Lotti.
 
Dopo Zingales, anche il consigliere Litvack fu silurata, inventandosi un finto rapimento: informazioni reali in un contesto inventato, a Siracusa. Il pm Longo aprì un fascicolo sulla Litvack che venne spostata ad altro incarico dall'Eni.
 
L'avvocato Calafiore aveva rapporti di amicizia col pm Longo che avrebbe preso 30mila euro per questa operazione, che arriverebbero dall'ufficio legale.
 
Amara si è mosso da solo, per farsi bello, per accreditarsi con Eni (si parla di contratti milionari con l'azienda), oppure l'ordine di far fuori Zingales e Litvack parte da vertici dell'Eni?
Non lo sappiamo, nel frattempo Amara e Mantovani sono sotto indagine per questa operazione.
 
Eni scrive di aver dato incarichi ad Amara in modo trasparente ma si è comportata in modo diverso, di fronte a questioni giudiziarie di suoi membri: Descalzi e Scaroni sono rimasti al loro posto, mentre la consigliera Litvack si è dovuta dimettere.
 
C'è poi la storia delle sentenze pilotate, delle inchieste fatte arrivare al gruppo di persone della rete di Amara: nella casa di suora Concetta si incontravano Amara con un uomo dei servizi che gli dava fascicoli sullo stati di alcune indagini, bozze di rapporti della Gdf.
Quando Longo viene messo sotto indagine (per la finta denuncia di rapimento..), qualcuno lo avvisa delle microspie messe nel suo ufficio: sarebbe stato avvertito da un altro magistrato, Maurizio Musco.
 
Quest'ultimo aveva aperto un fascicolo contro Eni, per una storia di inquinamento davanti Priolo, il processo Mare rosso...
Con questo processo, finito in archiviazione dei vertici eni, si sarebbe consolidato il rapporto tra Amara e Musco: lo racconta un ex avvocato di Eni, Favi.
 
Salvatore Sciacca è stato consulente di Musco: nei suoi studi ha mostrato il rapporto tra l'inquinamento e malattie delle persone vicino ai centri Eni, per il mercurio presente nel mare.
Alla fine Eni decide di risarcire le persone e il pm Musco chiede l'archiviazione per Eni, sarebbe colpa della Montedison che avrebbe sversato mercurio per anni.
Se non si è fatto il processo, chiedetelo a Musco – racconta Sciacca.
 
Amara avrebbe avuto un ruolo anche in una vicenda che ha coinvolto dei dipendenti di Eni: a queste persone fu proposto di accettare un assegno per accettare il patteggiamento senza fare cause legali all'azienda.
 
Altra storia è quella legata al calcio scommesse: due giornalisti del Catania furono accusati di aver venduto delle partite, notizia che appresero prima dai giornali.
Notizia falsa, ma partita sempre dagli stessi personaggi: l'avvocato Ferraro, il pm Musco, il giornalista Guastella.
Alla fine del procedimento giudiziario Musco è stato assolto, mentre il giornalista è sotto indagine.
 
Chi si era accorto del sistema Amara era un gruppo di giornalisti di Siracusa, La civetta di Minerva: giornalisti di comodo, avvocati che denunciano i nemici ad un pm, un sistema di società in cui erano assunti figli di magistrati o giudici.
 
La rete di Amara avrebbe modificato l'esito delle elezioni in Sicilia del 2014: Pippo Gianni, ex deputato regionale, eletto nelle elezioni, perse il posto per colpa di una sentenza comprata da un suo rivale.
Anche dietro a questa storia c'è Amara:
 
Bufera sul Consiglio di Stato. Questa mattina il gip di Roma Daniela Caramico D’Auria ha emesso quattro ordinanze di custodia cautelare con l’accusa di corruzione in atti giudiziari.

Ai domiciliari sono finti il giudice Nicola Russo, già coinvolto in altre vicende giudiziarie, l’ex presidente del Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Sicilia, Raffaele Maria De Lipsis, l’ex giudice della Corte dei Conti, Luigi Pietro Maria Caruso mentre il deputato dell’Assemblea regionale siciliana Giuseppe Gennuso, seppur raggiunto dall'ordinanza di custodia cautelare, è al momento irreperibile ai magistrati in quanto risulterebbe all’estero.

Sono in totale quattro gli episodi di corruzione contestati dai magistrati di piazzale Clodio, coordinati dal procuratore aggiunto Paolo Ielo. In totale – secondo l’accusa – il denaro utilizzato per corrompere i giudici si attesterebbe sui 150 mila euro. L’indagine si basa sulle dichiarazioni fatte negli ultimi mesi dagli avvocati Piero Amara e Giuseppe Calafiore, arrestati nel febbraio del 2018 scorso nell’ambito in uno dei filoni dell’inchiesta.

Gli arresti di oggi, infatti, sono solo l'ultimo atto dell’inchiesta della magistratura intorno al cosiddetto Sistema Amara nato a Siracusa qualche anno fa. L'avvocato Piero Amara, uno dei più noti legali dell'Eni nel sud Italia, secondo i magistrati di diverse procure italiane, da Milano a Messina passando per Roma, è al centro di un sistema corruttivo tra imprenditori che partecipano agli appalti pubblici milionari, magistrati ordinari e giudici del Consiglio di Stato.
 
Sentenze comprate, risarcimenti fatti arrivare ad una azienda privata e pagati dal comune di Siracusa, soldi sottratti al pubblico e finiti ad un gruppo di privati.
Amara aveva rapporti anche con la politica nazionale, Verdini e Lotti, per spingere la nomina a consigliere di Stato per il giudice Mineo.
Mineo non fu nominato alla fine, perché aveva un fascicolo aperto al CSM.
 
Gli anticorpi alla fine hanno funzionato, ma probabilmente il finale di questa storia ancora deve essere scritto, altre inchieste di Report seguiranno questa...
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità