• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Ambiente > Quando essere gamberetti cauti sembra la scelta vincente

Quando essere gamberetti cauti sembra la scelta vincente

Almeno per nutrirsi, essere meno desiderosi di esplorare sembra un punto a favore per i gamberetti di porto, mentre - per chi ignorava l’esistenza di questo piccolo crostaceo - sarà sorprendente scoprire che possono avere addirittura personalità differenti.

di Giulia Negri

Chi ha un cane o un gatto trova perfettamente sensato pensare che ognuno dei nostri animali da compagnia abbia una propria personalità, magari osservando esemplari diversi della stessa razza: c’è quello più curioso e quello più timido, chi farebbe di tutto per correre sempre all’aperto e chi predilige il divano. Diventa più difficile, però, immaginarlo per animali che sono più distanti da noi, e che magari riteniamo meno intelligenti. Alcuni ricercatori dell’Università di Exeter, per esempio, hanno studiato i gamberetti di porto (Palaemon elegans) e hanno scoperto che alcuni erano sistematicamente schivi, mentre altri erano più audaci. Ma questo coraggio ha un prezzo, e anche piuttosto importante: chi rischiava di più andava male nella battaglia per il cibo, dove primeggiano i più cauti.

“Abbiamo scoperto che i gamberetti più timidi erano migliori nel controllare una fonte di cibo”, ha affermato Daniel Maskrey, primo autore dell’articolo pubblicato su Animal Behaviour e precedentemente dell’Università di Exeter, ora di quella di Liverpool. “Questo significa che quando trovavano il cibo e intorno c’erano dei potenziali rivali, rimanevano lì e si nutrivano più a lungo rispetto a quelli più arditi. Le ragioni di questo comportamento non sono chiare, ma è possibile che i gamberetti più audaci avvertano di più il bisogno di andare avanti e continuare a esplorare.”

Il coraggio di questi crostacei è stato messo alla prova inserendoli più volte in vasche che non conoscevano e vedendo quanto si avventuravano verso il centro. I gruppi venivano creati in modo che gli individui che dovevano competere per l’accesso al cibo – particelle di Artemia, un altro piccolo crostaceo – avessero all’incirca le stesse dimensioni.

Il Dottor Tom Houslay, del Centro per l’Ecologia e la Conservazione al Penryn Campus in Cornovaglia dell’Università di Exeter, sostiene che questo studio potrebbe aiutare gli scienziati a capire perché i membri di una specie – anche i gamberetti di una singola pozza di marea – abbiano diverse personalità. Alcuni individui hanno maggiore successo nel monopolizzare il cibo, mentre altri tendono a lanciarsi in più spericolate esplorazioni: alla fin fine, entrambe le strategie potrebbero portare al successo in differenti situazioni e condizioni, e questo spiegherebbe perché l’evoluzione non ha portato a un unico tipo di personalità.

Le pozze di marea dove vivono questi gamberetti si modificano ogni volta che l’acqua sale, quindi avere delle variazioni tra gli individui potrebbe essere cruciale quando bisogna adattarsi ai cambiamenti. Dai Palaemon elegans a noi, chissà quante altre creature – alle quali abbiamo sempre associato una piattezza ai limiti dell’oggettivazione – hanno invece personalità poliedriche che consentono loro di avere successo o fallire nella vita di ogni giorno…

Segui Giulia Negri su Twitter

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità