• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Quando avevo in mano le lire

Quando avevo in mano le lire

Avrò avuto 6 o 7 anni quando il mio papà alle volte mi diceva verso sera di andare dalla signora Maria (ma non sono sicura che fosse questo il nome...) Andavo giù dal quarto piano a sotto terra, dove c'era casa sua, come dire di entrare nell'antro di una fata streghetta, alta poco più di me.

JPEG - 185.9 Kb

 Chissà quanti anni avrà avuto ma non era poi tanto vecchia, cicciottella, con una parannanza sempre presente. Dunque con le lire di carta nel pugno andavo a comprare i bruscolini da lei... e mi faceva fare i cartoccetti. Imparai a farli con la carta oleata perché dentro ci metteva pure le fusaie e certe olive dolci che non scorderò per tutta la vita. Vendeva anche i mustaccioli ma a me è sempre piaciuto molto di più il salato che il dolce. Poi aveva anche le sorprese, quelle credo non le facesse lei, erano rotolini di carta dai colori acquarello con dei piccoli doni del tipo fischietti spillette pupazzetti caramelle... La mattina la vedevo quando si avviava a una certa ora al mercato e poi davanti la scuola con il suo carretto di vimini, perché all'epoca non esisteva la plastica; credo fosse l'unica donna a fare questo mestiere.

Noi a casa fummo tra i primi ad avere la televisione che vedevamo con i vicini il sabato sera. Il giovedì compravo il Monello, anche se ero una bambina, costava 30 lire ed io con quello e certi pesciolini di liquirizia andavo in Paradiso...

Intorno ai 9 anni, ci fu un'estate tanto calda, in cui dopo cena, i miei genitori ci portarono a me e le sorelline gemelle, a un bar di Piazzale Clodio. Solide sedie di acciaio come la brocca dell'acqua fresca e 5 coni per tutti. Avvenne un miracolo, ebbi il permesso di fare il giro dell'isolato insieme ad altre amichette: mi sembrò di girare il mondo.

Eh già sono nata dove c'erano i Prati a Roma... Il mio papà si andava ad allenare proprio in quel piazzale, dove c'era il campo da calcio e lui faceva l'arbitro da quando era ragazzo e mi diceva sempre: bisogna correre per vedere bene tutto. Sarebbe poi venuto il Tribunale e la Rai e il muschio non lo andavo a prendere più dopo pranzo con lui, per giocare a casa con i pupazzetti del presepio, che lo tiravo fuori già a novembre...

Certe domeniche poi non le scorderò mai perché si andava al Pincio e c'erano a volte i burattini e alla fine Pulcinella tirava giù un secchiello con una corda e io tremavo di amore e paura e gli mettevo 10 lire che mi aveva dato papà, avevo una voglia enorme di guardare dietro ma non l'ho mai fatto e forse è stato meglio.

Nei primi anni '60 abbiamo dovuto lasciare Via Carlo Mirabello e andammo su per il Monte Mario in una casa che era ancora in costruzione, un po' per rabbia e un po' per curiosità, che ce l'ho ancora dopo 60 anni, prendevo la bicicletta dopo la scuola e cominciavo a girare come una matta e alle volte sogno ancora di trovarmi per strade che non conosco e mi prende una stanchezza che mi appoggio al muro ed è subito sera come questa domenica che non si decide a diventare di Primavera: e ricomincia la salita...che fantastica storia è la vita...

Doriana Goracci

n.b. i bruscolini sono i semi di zucca, le fusaie sono i lupini...

 

Commenti all'articolo

  • Di gilda (---.---.---.210) 18 marzo 14:16

    Quanto efficace e struggente la descrizione dei tuoi ricordi e leggerti mi ha fatto pensare anche alla mia infanzia. Rivedo una casa in periferia dove, quando pioveva a dirotto, dovevamo mettere delle bacinelle in vari punti per raccogliere lì’acqua piovana che passava attraversando il tetto di tegole. Il "gabinetto" era fuori casa in una sorta di baracca fatiscente. Pagavamo un affitto di 10.000 lire al mese che per la mia famiglia era molto. Dormivo con una delle mie sorelle e ci stavamo abbastanza strette in quel lettino; nella stessa stanza stavano altri letti, altre sorelle ed anche i miei genitori. Mio padre era spesso via per lavoro, faceva il cuoco in una base arenautica e mia madre si occupava faticosamente dei suoi sette figli. Fa pensare a una situazione triste vero? Bhe forse si, però avevamo a disposizione anche un orto dove, oltre a bellissimi fiori, c’erano anche degli alberi.. Bellissimo arrampicarsi sugli alberi,cogliere le primizie e giocare a rincorrerci liberi di sporcarci, spruzzarci con la stessa pompa che serviva per innafiare l’orto. Avevamo anche qualche gallina, dei conigli ed una pecorella. La televisione la vedevamo qualche volta a casa di conoscenti e, quando ciò succedeva, era una meraviglia! Certamente eravamo poveri, ma quanta nostalgia!

    • Di Doriana Goracci (---.---.---.64) 18 marzo 17:59
      Doriana Goracci

      che smossa...ero andata ieri domenica 17 marzo alla festa di San Giuseppe a Roma. Ben altri ricordi...e altro che lire ed euro, un bignè 2 euro e 80 centesimi, una follia. Ma li comprano. All’epoca era tutta una bancarella di bignè e altre leccornie, su quei marciapiedi dove Fellini girò Roma, grande enorme sfacciata città. I nostri ricordi sono piccolini, come noi che eravamo e siamo piccoline ma scriviamo, grazie Gilda, grazie...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità