• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Perché abbiamo bisogno di Pitbull

Perché abbiamo bisogno di Pitbull

Viaggio al centro del successo di Pitbull, un cantante che abbaia ma non morde.

Ogni due mesi la radio della Smart ferma al semaforo accanto a voi mette in circolo nell'etere la voce ispaneggiante di un giovane trentatreenne calvo, noto alle cronache col nome di Pitbull.

Perché?

Pitbull, alias Mr. Worldwide, è lo pseudonimo di Armando Christian Pérez, nato a Miami da genitori cubani in fuga dal sogno infranto della rivoluzione, come lo stesso cantante, in un crescendo di pathos, ha dichiarato al David Letterman Show. “Mia nonna si è resa conto che Fidel Castro non era la persona in cui aveva creduto”. E via, a cercare fortuna negli Stati Uniti, dove “grazie a Dio” il cucciolo di Pitbull nasce nel 1981.

La sua è la storia di un giovane immigrato che rischia di finire nei giri pericolosi della Miami anni '90, tra poliziotti baffuti e mafie locali, in un imprecisato ma ancestrale legame ispanici-droga. Armando impara a conoscere la strada tenendosene però abbastanza lontano (nonostante sia stato cacciato di casa a 16 anni perché spacciava), finché una maestra che crede in lui lo folgora sulla via di Damasco con un suggerimento scioccante: “Ma al rap non c'hai mai pensato?”.

Mai intuizione fu più geniale. In un crescendo di successi che lo rendono una delle più insopportabili voci rauche della storia dei cantanti-ispano-americani-che-la-musica-ha-salvato-dalla-strada, Pitbull arriva fino al coronamento del sogno di qualunque pop star: la canzone dei mondiali. In Brasile. L'occasione per fare il brano più allegro e spensierato della storia. Occasione ovviamente fallita.

Ma andiamo con ordine. A vent'anni, Pitbull è un esemplare adulto: scoperto dai Diaz Brothers, viene presentato al grande Robert Fernandez, che lo adotta subito. Qualche tempo dopo, ripensando al giovane Pitbull, Fernandez dichiarerà “Aveva fame”. L'idea del produttore è semplice ma geniale: presentare Pitbull a Lil Jon, un uomo dal cuore grande e dalla dentatura discutibile (nella foto).

JPEG - 30.2 Kb
Allegria!

Il cameo di Pitbull nel disco di Jon, Kings of Crunk, è l'inizio di una rivoluzione per i chioschi sulla spiaggia e i discopub di mezzo mondo.

L'album del debutto, M.I.A.M.I., contiene un singolo, dall'emblematico titolo Culo destinato a far tremare milioni di sex on the beach. Nel testo le parole “baby” “dance” “shake” e “club” si rincorrono in una spirale vertiginosa, inaugurando una notte senza freni e senza tempo che rappresenta la poetica stessa del cantante. Con Toma, Pitbull mette in versi il suo manifesto programmatico: il video inizia con lui e un suo amico, due lavapiatti che sognano di sfondare nel mondo della musica, e infatti con la risoluzione necessaria quest'ultimo diventa il re della R&B, nel video e nella realtà (tranne che nella realtà non faceva il lavapiatti).

Per abbattere i cliché, fonda con Sean 'Diddy' Combs la Bad boy latino, una label che si occupa di tutte le variazioni della musica latina (tranne quella antica). Il resto è storia: un album ogni due anni, finché non arriva, nel 2009 un successo al di là del bene e del male, con la hit dal gusto arrogante I know you want me. Il video è quello di un uomo realizzato e desiderato che si veste inspiegabilmente male e canta e balla con effetti in sovraimpressione che farebbero impallidire persino il regista di Andrea Diprè.

Da allora, Pitbull sforna un successo dopo l'altro, affermandosi come il re dei featuring. Pitbull è la spalla canora che tutti le star del pop cercano. La sua voce da tabagista, le sue risate finte, e qualche parola in spagnolo, lo rendono l'amico ideale a cui far cantare versi veloci in cui in sostanza non si dice nulla ma si riempie il tempo necessario a passare da un ritornello all'altro. Shakira, Christina Aguilera, Ke$ha (con il simbolo del dollaro, sì), T-Pain - un cicciottello con l'Auto-Tune conficcato in mezzo alle corde vocali -, Kelly Rowland e naturalmente Jennifer Lopez sono solo alcuni degli indimenticabili duetti che vedono come protagonista il nostro Armando.

Ma perché?

Pitbull, con il suo charme da lungomare di Ostia, i suoi occhialoni riminensi e le sue giacche da prediciottesimo, è uno che ce l'ha fatta. Sicuro di sé come un assicuratore rampante, facile da capire, amico dei bassi gracchianti e delle discoteche con le luci colorate, Mr. Worldwide la domenica organizza il pranzo di pesce a Fiumicino e il conto lo paga lui, però se gli sfiori lo specchietto della Ferrari ti prende a cazzotti sui denti. Pitbull potrebbe tranquillamente essere il tizio che la tua migliore amica si rimorchia l'estate a Mykonos, poi lo aggiunge su Facebook e ti mostra una sua foto cercando di giustificarsi con espressioni come "è carino, dai!":

JPEG - 24.4 Kb
Capodanno 2013

Un modello antropologico universale, un buono che ha lasciato le miserie della strada per imbarcarsi su uno yacht (una caratteristica della musica commerciale che hanno colto con acume i Lonely Island). Mai dimentico delle sue umili origini, Pitbull è l'amico che conosce la gente giusta e ci fa entrare alle feste in piscina (perlomeno se abitiamo a Miami). È brutto e coatto, talvolta ha i baffetti e la mosca, non ha particolari talenti artistici, e non saremmo in grado di distinguere una sua canzone da quella di un altro che canta insieme a lui agitando le mani allo stesso modo, ma la sua voce morde le nostre orecchie in tutti i momenti della giornata, mentre siamo dal barbiere, mentre compriamo il gelato, in Salento, e perfino durante la cerimonia di apertura dei Mondiali.

Pitbull ci permette di identificarci: ci fa credere di poter un giorno indossare quegli occhiali senza essere bullizzati, oppure ci fa sentire semplicemente migliori. Ecco perché abbiamo bisogno di lui.

O forse no.

 

Foto: Wikimedia

 

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità