• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Per chiudere sulla questione di Mattarella: sulla perdita del senso della (...)

Per chiudere sulla questione di Mattarella: sulla perdita del senso della politica e del garantismo penale

Confesso di essere un po’ spaventato per le cose che ho letto anche sul mio questo blog sulla questione di Mattarella e della sua messa in stato d’accusa, e non certo per il livore di alcuni interventi ed anche per le insolenze e gli insulti di parte grillina che non mi impressionano affatto, ma per i danni che la cultura giustizialista ha prodotto sul piano della cultura politica diffusa. Ho cercato –con scarsa fortuna in verità- di separare l’aspetto penale da quello politico, sottolineando il mio prieno dissenso politico dalle scelte del Presidente, torno sulla vicenda solo sul versante giuridico.

Ne riparlo sperando di essere chiaro e procederò per punti.
1. Può il Presidente rifiutare la proposta del Presidente del Consiglio a proposito di un ministro? Sì e senza discussioni proprio perché si tratta di una “proposta” e non di una “designazione” o anche una “indicazione” e le proposte, da che mondo e mondo, si possono accettare o respingere. Su questo mi pare possiamo essere tutti d’accordo.


2. Il potere di negare la nomina di un candidato ministro implica una discrezionalità totale ed incondizionata o limitata ad alcune fattispecie specifiche e quali? Qui il discorso si fa meno semplice perché la lettera della Costituzione (art 92) non dice nulla in proposito. Possiamo ricavare qualche lume dalla consuetudine e dall’interpretazione sistematica della Costituzione senza però fare troppi azzardi. In passato ci sono stati (sin dalla Presidenza Einaudi) casi di ministri rifiutati dal Presidente, ma sempre per ragioni attinenti alle qualità personali del candidato (conflitti di interesse, insufficiente esperienza, inopportunità per il rischio di compromettere la separazione dei poteri ecc.). Non è questo il caso del prof Savona al quale è stato tributato pieno riconoscimento delle sue doti, il punto sarebbero le sue convinzioni in materia di ordine monetario e, peraltro, espresse in sede non politica. Qui la scelta del Presidente si fa molto discutibile, ma il cuore del problema è un altro: attraverso il veto su Savona, il Presidente, per sua stessa ammissione, ha inteso delimitare il campo dell’azione politica del costituendo governo. A questo punto, il Presidente incaricato avrebbe dovuto chiedere formalmente al capo dello Stato se si trattava di questo, di una censura sulla possibile azione del governo e, nel caso di risposta affermativa avrebbe potuto e dovuto sollevare conflitto fra poteri dello Stato davanti alla Corte Costituzionale. Ma questo nel presupposto che Conte fosse un vero Presidente incaricato e non un semplice fattorino privo di capacità contrattuale e perciò stesso politica. Conte si è alzato ed ha rinunciato all’incarico, implicitamente accettando la decisione del Presidente. Ma Mattarella aveva il potere di rifiutare la nomina sul presupposto di una sorta di “reato d’opinione”? No, a mio avviso, non aveva questo potere proprio per la terzietà che deve sempre osservare nell’esercizio del suo mandato. E’ andato al di là dei poteri attribuitigli dalla Costituzione, anche se la questione è discutibile.
3. Prendendo per buona la mia idea (peraltro condivisa anche da giuristi del livello della Carlassare, come leggiamo sul “Fatto”) che il Presidente abbia abusato del suo potere, come qualificare giuridicamente il suo comportamento? Se avessimo a che fare con un ministro o con qualsiasi funzionario dell’amministrazione potremmo parlare di “falsa applicazione della legge” o anche di un illecito amministrativo, ma forse anche di una fattispecie penale come l’abuso di potere.
4. Prendiamo per buona questa ipotesi estrema (decisamente estrema, sia chiaro), cioè che il Presidente abbia commesso un abuso di potere, è processabile per questo? La Costituzione dice che il Presidente è processabile solo per Alto tradimento o per Attentato alla Costituzione (cioè abbia fatto o tentato un colpo di Stato). Dunque occorre dimostrare che, attraverso quell’abuso, il Presidente abbia cercato di mutare l’ordinamento delle istituzioni. Per la verità mi pare una ipotesi un po’ forte: non mi pare che la mancata nomina di Savona abbia mutato la forma di governo. Ma a voler concedere anche questa soluzione estrema di una ipotesi già di per sé estrema, non potremmo lo stesso far nulla, perché l’attentato alla Costituzione è disciplinato dall’art 283 che, modificato durante il II governo Berlusconi, recita “Chiunque, con atti violenti, commette un fatto diretto e idoneo a mutare la Costituzione dello Stato o la forma di governo, è punito con la reclusione non inferiore a cinque anni”. Mi spiegate in cosa si ravvisi uso della violenza da parte di Mattarella? Direi, quindi che manca il presupposto necessario per aprire l’azione. Magari posso anche ritenere criticabile quell’emendamento, in quanto un Presidente può stravolgere l’ordinamento costituzionale anche senza bisogno di ricorrere alla violenza, ma questo non conta: la norma è quella e noi dobbiamo operare sulla base delle norme vigenti.
5. D’altra parte, la richiesta di messa in stato d’accusa –oltre che politicamente inopportuna e contraddittoria con la richiesta di immediate nuove elezioni- era anche impossibile da eseguire allo stato dei fatti. Infatti, la procedura, in questi casi, prescrive che le commissioni per l’autorizzazione a procedere dei dure rami del Parlamento svolgano una indagine preliminare per decidere se ci sono i presupposti minimi per spedire la richiesta alla seduta congiunta di Camera e Senato, ma qui le commissioni, compresa quella per le autorizzazioni a procedere, non sono state costituite e, pendente la crisi, non si sa neppure bene come costituirle, comunque sino a quando non ci sono la denuncia resta lettera morta.
6. A seppellire definitivamente questa vicenda deplorevole viene l’ingloriosa ritirata di di Maio che, peraltro, non sente nepèpure il bisogno di chiedere scusa al Presidente con il quale si dichiara pronto a collaborare. Come dire: “tu sei un golpista, però lasciamo perdere e collaboriamo.” Avete mai visto una cosa del genere. Se fossi il Presidente mi rifiuterei di riceverlo al Quirinale sino a che non siano porte le scuse.
7. C’è una frase di Di Maio che la dice lunga sulla sua cultura giuridica e politica: “Occorre parlamentarizzare questa vicenda”. Cioè lui avrebbe voluto mettere in moto una delle procedure più gravi del nostro ordinamento che punta alla destituzione del Presidente in carica tanto per avere un dibattito parlamentare. Una sorta di succedaneo di una mozione di sfiducia: visto che questa non è prevista dall’ordinamento, noi usiamo la messa in stato d’accusa a questo scopo. Se tu davvero credi che il Presidente abbia fatto o tentato un colpo di Stato devi andare sino in fondo e non accettare alcuna collaborazione con chi ha attentato alla Democrazia. Ma forse sono pensieri troppo complicati per Di Maio.
8. E qui siamo ai disastri della cultura manettara di questi anni: i problemi politici si risolvono in sede penale. Un bel processo e tutto è risolto. E non è neppure il caso di abbondare con le garanzie processuali perché un bel rito sommario basta e avanza. Chiedo a quanti sono intervenuti in queste pagine a sostegno dell’accusa a Mattarella: quanti di voi sono andati a leggersi l’art 283 del cp? C’è una pericolosa perdita del senso della politica e del garantismo penale e questo mi fa francamente paura. Devo dire che questo mi sembra un vero imbarbarimento della lotta politica.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 4 giugno 15:52
    Truman Burbank

    Credo sia errato il riferimento all’art 283 del cp e giannuli mi sembra il primo che lo tira fuori. A norma di Costituzione il Presidente può essere messo in stato d’accusa (per gli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni) solo dal Parlamento in seduta comune e la decisione passa poi alla Corte costituzionale.

    Vale la pena di ricordare che Cossiga fu processato da tribunali ordinari (per diffamazione) ma ciò perchè uno degli episodi di diffamazione fu considerato compiuto al di fuori dell’esercizio delle sue funzioni. La Corte costituzionale fu chiamata in causa due volte e credo abbia chiarito a sufficienza.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità