• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Per Bossi i giudici di Milano graziano Silvio per salvare Mario

Per Bossi i giudici di Milano graziano Silvio per salvare Mario

"I giudici non sono ciechi e sordi, vivono anche loro il momento politico. Berlusconi è stato abile, pensavo che fosse condannato, invece i suoi voti sono determinanti per il governo. Magari non aveva commesso niente, come sosteneva lui, però vista da fuori è una brutta impressione".

Con queste parole Umberto Bossi ha commentato le sentenza del Tribunale di Milano che ha dichiarato prescritto il reato di corruzione in atti giudiziari di cui era accusato Silvio Berlusconi nell'ambito del processo Mills.

In Italia si sa le sentenze importanti non vengono accolte (e rispettate) per quelle che sono, dividono e lacerano gli schieramenti, diventano di per sé atti sindacabili in cui ciascuno legge quello che gli fa più comodo riscontrare. Le parole dei magistrati infatti si commentano e si valutano a seconda delle contingenze (e convenienze) del momento.

Per questo l’ennesima sentenza su Silvio Berlusconi può diventare oggetto non solo di discussione ma anche una sorta di lente di ingrandimento per sondare lo stato (preoccupante) della giustizia e più in generale della politica italiana. La prescrizione per il Cavaliere significa tante cose in una. Per i cosiddetti “berluscones” sancisce l’accanimento portato avanti nei confronti del presidente del Pdl da parte della Procura lombarda.

Per i “dialoganti” del PDL, del PD e soprattutto dell’Udc il giudizio di sabato scorso sarebbe una buona occasione per sancire una tregua tra le varie fazioni e continuare proficuamente il periodo di unità nazionale voluto da Giorgio Napolitano. Per gli “intransigenti” accampati in ogni partito dell’attuale opposizione (ma anche in alcuni settori del PD) Berlusconi si sarebbe sottratto per l’ennesima volta al normale corso della giustizia, ricorrendo alle celeberrime leggi ad personam che hanno impedito ai giudici di poter esprimere un giudizio sul merito del processo.

Per “i realisti” presenti soprattutto nel governo, la caduta in prescrizione del caso Mills consacra agli occhi di tutto il mondo i tempi biblici della giustizia italiana che andrebbe riformata il prima possibile. A queste voci si è aggiunta domenica sera quella forse più stonata ed inopportuna del leader della Lega nord secondo il quale Berlusconi si sarebbe salvato per calcolo politico della magistratura che graziandolo avrebbe assicurato il proseguimento del governo. Secondo Bossi infatti anche i giudici di Milano sarebbero parte di quel complotto internazionale, attuato da Giorgio Napolitano e Mario Monti che con l’aiuto dei “poteri forti” ha commissariato l’Italia per attuare quelle misure convenienti soltanto alle banche e alle istituzioni europee a trazione tedesca. Delle interpretazioni arrivate, la chiave di lettura bossiana è la più strampalata e meno credibile, soprattutto perché per le 5 prescrizioni precedeni a favore di Berlusconi, Bossi si era sempre schierato al fianco del suo ex alleato, invocandone l’innocenza.

Una cosa è certa al netto di tutte le esegesi di queste giorni, un politico che ha, ed ha avuto sul groppone 25 processi non può più guidare l’Italia e soprattutto non può essere eletto al Quirinale. Oltre tutte le parole spese vanamente sul tema, la giustizia italiana necessita una profonda ristrutturazione, a cui le forze politiche non possono sottrarsi. Per il resto le sentenze lasciamole scrivere ai giudici e non ai politici che sempre più spesso sconfinano fuori dalle loro funzioni, solo per coprire le loro grandi responsabilità.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di radi33 (---.---.---.6) 28 febbraio 2012 01:51

    Sono 15 anni che questo venditore di pellicce (come quelli che le rubavano agli indiani d’America), imperversa in Italia, sostenuto da uno stuolo di votanti che vorrebbero imitarne le gesta. Se non ci sono riusciti nelle fortune economiche, per difetto di cialtroneria e supporto politico, ne sosno stati all’altezza nel diffondere un clima sociale nel quale la furbizia, la corruzione e l’arroganza dominano.

    In questoi fare determinante è stata l’azione dell’opposizione, con i vari leader soccedutisi alla guida del maggior partito d’opposizione ed in particolare con quel smisuratamente ambizioso quanto imbelle D’Alema, vera stampella di supporto a Berlusconi. Bossi, con il suo becero populismo ha sostenuto gli interessi dell’industria di mezza tacca (e non solo) più finanziata dai contributi pubblici.

    Ora, questa brigata di scherani dell’alta banca internazionale, ha sostituito il raccontapalle che rimane sostanzialmente fondamentale per completare l’opera di asservimento dei cittadini italiani onesti, mediante il condizionamento costituito dall’innumerevole dote di processi in cui è imputato per i reati più vari.

    Se non fosse la triste realà, costituirebbe un valido spunto per una barzelletta. Una barzelletta dove a far la parte dei fessi ci stanno i cittadini che lavorano onestamente, purtroppo. Speriamo solo che prima, piuttosto che poi, s’incazzino, ma tanto, tanto... 

  • Di pv21 (---.---.---.186) 4 marzo 2012 20:00

    Valanga blabla >

    Monti ha scelto di rinviare(?) di due anni l’adozione di una patrimoniale sulle grandi ricchezze. Nel farlo subito, ha spiegato, correva il rischio di “abbaiare e non mordere” e di innescare una fuga di capitali all’estero.
    Ha quindi optato per una tassa “sul lusso” (auto di grossa cilindrata, barche oltre 10 metri, ecc.) da cui ricavare un gettito di circa 450 milioni.

    Dopo appena tre mesi già si registrano alcuni “imprevisti”.
    L’Unrae (unione costruttori autoveicoli esteri) segnala l’incremento di 5 volte del traffico in uscita dal nostro paese di “bolidi” e Suv da rivendere all’estero. Secondo l’Unrae l’effetto superbollo, visto anche il calo acquisti, rischia di generare nel 2012 la perdita del posto di lavoro per 10 mila addetti di concessionarie.
    E ancora.
    La “fuga” dai nostri porti di ben 27 mila barche/yacht è stata rilevata (a fine gennaio) dall’Osservatorio Nautico nazionale che ha quantificato in 104 milioni di euro il corrispondente minor introito per lo Stato ed in quasi 9 mila i posti di lavoro messi a rischio.

    Sintesi.
    Invece dei preventivati 450 milioni di maggiori entrate, da questa tassa “sul lusso” si stanno profilando danni erariali ed economici nell’ordine dei 2 miliardi di euro.
    Di enunciati e teoremi accattivanti trabocca anche un Dossier Arroganza ...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares