• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Viaggi > Parte da Bologna il viaggio responsabile | It.a.cà: il festival del turismo (...)

Parte da Bologna il viaggio responsabile | It.a.cà: il festival del turismo responsabile

 L’Itaca dei moderni Ulisse non è nel mar Ionio ma a Bologna, sede del festival del turismo responsabile It.a.cà, riferimento all’isola omerica, ma soprattutto con il significato di “sei a casa?” del dialetto bolognese. Una casa da dove partire e nel quale tornare dopo avere esplorato il mondo e l’anima alla ricerca di se stessi e di stili di vita migliori. Un vagare itinerante con avvio da Bologna il 25 maggio e con arrivo a Pavia il 28 ottobre dopo avere sostato dal Salento al Trentino, da Napoli al Monferrato (sotto il calendario completo). 

Un viaggio lungo per festeggiare la decima edizione della rassegna e il premio per l’eccellenza e l’innovazione nel turismo ricevuto dall’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite a rimarcare l’impegno delle oltre 600 realtà della rete It.a.cà nel promuovere una cultura creativa, responsabile, sostenibile e multietnica.

Per un mondo sostenibile e accessibile

La tappa bolognese ravviverà la città e le località appenniniche dal 25 maggio al 4 giugno con un programma ricco di incontri, escursioni, mostre ed emozioni. Si inizia scoprendo le agende urbane per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile per il 2030 e gli spazi urbani della Bolognina e del centro storico abitati dai nuovi cittadini metà del Migrantour, curiosando tra il design market dei creativi o camminando sui colli per ammirare il tramonto sulla città dotta, grassa e rossa. A seguire un centinaio di appuntamenti tra passeggiate urbane e pedalate nella natura, laboratori e convegni, presentazioni di libri e proiezioni di film. Proposte variegate nella forma e nei temi, con accanto al turismo slow e responsabile approfondimenti sull’innovazione green, la valorizzazione paesaggistica ed enogastronomica, l’ecomobilità e l’accessibilità universale. Tema che alla “decima” assume rilievo particolare con l’inaugurazione della piattaforma web IT.A.Càccessibile, una community del turismo accessibile pensata per confrontarsi, segnalare appuntamenti fruibili e proporre soluzioni per rendere Bologna più accogliente per tutti.

Le giornate “migranti” e appenniniche

Ad animare It.a.cà 2018 saranno pure la giornata dedicata (31 maggio) alla pratiche innovative di ospitalità e welfare interculturale e i numerosi eventi in omaggio all’Appennino Bolognese, per lo più concentrati nella tre giorni (1-3 giugno) alla scoperta dello splendore naturalistico e storico dei rilievi tra Bologna e Firenze. Chi desidera immergersi nell’evento può aderire al trekking di tre giorni tra le valli e le cime più affascinanti attraversando luoghi misteriosi, come Bocca di Lupo, Donna Morta, Corno delle Scale o Pian della Zucca, e dormendo nei rifugi. Per gli altri ci sono escursioni quotidiane a piedi o in sella a un ciclo, come la camminata notturna all’Osservatorio Astronomico Felsina, la passeggiata a piedi nudi nel bosco e dal castello delle fiabe alla sorgente della salute, la gita in tandem o pedalando sulla Via degli Dei. Per i pigri ci sono degustazioni dei prodotti locali, mostre, workshop e intrattenimenti come la Piccola fiera dei ciarlatani, il festival di arti di strada ispirato alla rassegne di inizio Novecento. Da non perdere è pure la presentazione del libro “Appennino atto d’amore” con Paolo Piacentini e Wu Ming 2. Tra le altre novità editoriali svelate citiamo pure quelle dei volumi “L’Italia Selvaggia” di Elisa Nicoli e “Bologna Insolita e Segreta” di Davide Daghia. Segnaliamo, infine, la presenza di diverse mostre fotografiche di interesse, come “Ventimiglia e il passo della morte” di Max Cavallari, “Cargar scargar dalla montagna. I pascoli migranti” di Luca Toffolon e “Palermo fa 90” di Franco Lannino, omaggio a Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e agli agenti delle scorte che perirono nelle stragi del 1992.

 

Il programma completo è visibile sul sito o scaricando il pdf

Le tappe di It.a.cà 2018

Bologna, 25 maggio-3 giugno

Monti Dauni, 26 giugno-1 luglio

Parco Nazionale Monti Sibillini, 30 giugno-1 luglio

Ravenna, 30 giugno-1 luglio

Gran Sasso,7-9 settembre

Salento, 14-16 settembre

Rimini, 20-23 settembre

Trentino, 24-30 settembre

Reggio Emilia, 28-30 settembre

Parma, 4-7 ottobre

Napoli, 12-14 ottobre

Monferrato, 13-21 ottobre

Ferrara, 24-30 ottobre

Pavia, 26-28 ottobre

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità